"Pensioni, ora torniamo alle quote".Intervista a Annamaria Furlan, "Avvenire", 25 Gennaio 2015

b_180_160_16777215_00_images_foto_annamaria_furlan.jpg


"Il decreto sulle banche popolari è un errore clamoroso. Il governo farebbe meglio a occuparsi della crescita e delle pensioni. Questo sì è urgente". Il Segretario generale della Cisl critica la riforma del credito e coglie al volo l'apertura del MInistro Poletti sulla previdenza sottolineando che il sistema previdenziale oggi è troppo rigido. "Occorre invece ripristinare una certa flessibilità in uscita e tenere conto che non tutti i lavori e non tutti i lavoratori, sono uguali: le persone hanno esigenze differenti e a 67 anni è diverso stare seduti ad una scrivania o salire su un’impalcatura. Bisogna far sì, perciò, che sia possibile andare in pensione dopo un certo numero di anni di contribuzione, in combinazione a una certa età".

Allegati:
Scarica questo file (avvenire-25-genn-2015.pdf)avvenire-25-genn-2015.pdf325 kB

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.