"Il Tfr in busta paga solo se azzeriamo le tasse", "La Stampa", 13 ottobre 2014

b_180_160_16777215_00_images_foto_annamaria_furlan.jpg

 

"Se davvero vogliamo sostenere le famiglie e aiutare i consumi, il Tfr in busta paga deve essere a tasse zero. Oppure allarghiamo un poco il ventaglio di
possibilita' che consentono al lavoratore di chiedere gli anticipi, molto piu' semplice''. La neosegretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan vuole "vedere chiaro" sul Tfr, ''perche' si rischia di creare grosse difficolta' alle piccole imprese e puo' produrre effettivi negativi sulle pensioni integrative future''.E dice "sì a un nuovo taglio dell'Irap, ''pero' gli incentivi dovrebbero servire a premiare chi assume e chi investe in ricerca e sviluppo''. Bene anche il Jobs act e il contratto a tutele crescenti, "a patto pero' che vengano eliminate le tantissime forme di lavoro precario e di falso lavoro autonomo''.E rilancia "un grande patto sociale'' per far uscire il Paese dalla crisi.

Allegati:
Scarica questo file (lastampa-13-ott-2014.pdf)lastampa-13-ott-2014.pdf347 kB

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.