"Non ha senso fermare il Paese, la riforma sta migliorando, protesta sul contratto statali", "La Repubblica", 19 Novembre 2014

b_180_160_16777215_00_images_foto_annamaria_furlan.jpg


Il segretario generale della Cisl respinge l'ipotesi di aderire allo sciopero generale gia' annunciato dalla Cgil e sostenuto anche dalla Uil sulla manovra. "Non ci sono motivazioni valide per fermare il paese. Per la Cisl gli scioperi generali si fanno solo su obiettivi precisi: lo diciamo da sempre. In questo caso, invece, sarebbe solo inopportuno e inefficace: la motivazione è troppo debole. Il Jobs act in fondo sta cambiando in meglio. Faremo invece lo sciopero generale per il rinnovo del contratto del pubblico impiego".

Allegati:
Scarica questo file (repubblica-19-nov-2014.pdf)repubblica-19-nov-2014.pdf252 kB

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.