"Le regole non bastano, per la svolta serve innovazione e ricerca"Intervista ad Annamaria Furlan, su "La Stampa" 1° Dicembre 2014

b_180_160_16777215_00_images_foto_annamaria_furlan.jpg

"Si discute molto di Jobs Act, poco dei cambiamenti strutturali che possono far ripartire la crescita e l'occupazione. Per il Segretario generale della Cisl "la svolta può arrivare da altro: innovazione, ricerca, istruzione, trasporti, tutela ambientale, risparmio energetico. Concentrando gli sforzi in una agenzia nazionale, bisogna fare di tutto per usare i fondi chel'Europa ci mette a disposizione, ne abbiamo ancora da spendere 18 miliardi di euro, 13 dei quali dedicati al Sud. Da Napoli in giù non c'è alta velocità, banda larga e l'energia costa ovunque il 30 per cento in più del resto d'Europa. Furlan torna poi sulla decisione di non scendere in piazza con la Cgil, nonostante le critiche al Jobs act: "abbiamo indetto uno sciopero, oggi, nel settore pubblico, e la ragione è contrattuale: i dipendenti pubblici non hanno un rinnovo da sei anni". "Nei tre giorni successivi faremo altrettante manifestazioni per spiegare le nostre proposte".

Allegati:
Scarica questo file (stampa-1-dic-2014.pdf)stampa-1-dic-2014.pdf230 kB

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.