"Sindacato mon amour", su "L'Espresso" dell'11 dicembre 2014

b_180_160_16777215_00_images_foto_annamaria_furlan.jpg


"L'unità sindacale è di importanza strategiaca per il sindacato, ma deve essere fatta in modo serio". Lo dichiara il Segretario generale della Cisl in un'intervista a "L'Espresso" ed interviene a tutto campo sulle attuali posizioni della Cisl e sul perchè abbia deciso di non partecipare allo sciopero generale indetto dalle altre confederazioni. "La Cisl ha quattro milioni e mezzo di iscritti e sa come decidere. Lo sciopeero generale è per noi lo strumento estremo. E poi non posso dimenticare che non è stato fatto per manovre di lacrime e sangue comq la riforma Fornero. Due pesi e due misure non fanno il bene dei lavoratori". E sulla possibilità di ritrovare l'unità con gli altri sindacati: "Spero proprio di sì. Lavorerò perché si rinnovi sempre la volontà del lavorare unitariamente ma per fare questo occorre definire insieme obiettivi e percorsi".

Allegati:
Scarica questo file (Espresso-11-dic-2014.pdf)Espresso-11-dic-2014.pdf1455 kB

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.