"Protesta sbagliata ma l'esecutivo ha fatto un pasticcio", su "Il Corriere della Sera" del 12 dicembre 2014

b_180_160_16777215_00_images_foto_annamaria_furlan.jpg


"Mi sembra che il governo abbia fatto un vero pasticcio. Esiste una legge che assicura i servizi essenziali, va seguita la legge. Detto questo, il diritto di sciopero è un grande strumento di civiltà, e anche se non è il fine della lotta sindacale, è sacrosanto". Commenta così il segretario generale della Cisl, Annamaria Furlan, la precettazione, e la successiva revoca, dei ferrovieri. "Ho grande rispetto per le altre organizzazioni sindacali ma rivendico la nostra linea. -ribadisce Furlan in merito alla posizione della Cisl sulla protesta indetta da Cgil e Uil-. Il primo dicembre abbiamo scioperato nel pubblico impiego, per il quale sono 6 anni che non viene rinnovato il contratto. Lo sciopero generale non è lo strumento adeguato per un Paese che ha perso 25 punti di produzione industriale".

Allegati:
Scarica questo file (corsera-12-dic-2015.pdf)corsera-12-dic-2015.pdf128 kB

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.