Jobs act: "Funzionerà a patto che assorba tutti i contratti precari", "La Stampa", 27 Dicembre 2014

b_180_160_16777215_00_images_foto_annamaria_furlan.jpg


Per il Segretario generale della Cisl è solo l'inizio di un percorso, "non c'è dubbio -osserva - che sia nelle audizioni delle Commissioni parlamentari delle due Camere che nel prosieguo del confronto con il Governo capiremo meglio alcune cose che ancora non sono chiare e definite. E avremo anche l'opportunità di contribuire a migliorare ciò che va cambiato. Ma il punto centrale per noi è far sì che il contratto a tutele crescenti - che è un contratto a tempo indeterminato assolutamente vantaggioso, che per la prima volta sarà più invitante per le imprese rispetto ad altre forme contrattuali - non venga affiancato e vanificato dalle tante forme contrattuali precarie oggi esistenti: partite Iva, lavori a chiamata, co.co.pro., associati in partecipazione. Forme che spesso fingono lavori autonomi ma sono lavori subordinati, mal tutelati e mal pagati".

Allegati:
Scarica questo file (la-stampa-27-dic-2014.pdf)la-stampa-27-dic-2014.pdf149 kB

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.