Basilicata. Fai Cisl: "No ad un impianto di rifiuti vicino ad industrie alimentari"

Potenza, 18 dicembre 2015 - La Fai Cisl Basilicata dice no alla realizzazione di un impianto di trattamento dei rifiuti a San Nicola di Melfi e propone di localizzare l’investimento in un’altra area industriale desertificata, dove non sono stanziate industrie alimentari. “Ogni nuovo investimento che produca posti di lavoro è benvenuto - spiega il segretario generale Antonio Lapadula - purché non si mettano a rischio i posti di lavoro esistenti. La scelta di ubicare questo genere di impianto nei pressi di importanti aziende alimentari, una su tutte la Barilla, non può che vederci nettamente contrari per via di un’evidente incompatibilità ambientale tra il trattamento della frazione umida dei rifiuti e la produzione di beni alimentari che finiscono sulle tavole di milioni di italiani. Per questo come Fai Cisl, consapevoli della grave situazione occupazionale che vive la Basilicata e quindi della necessità di non disperdere importanti investimenti produttivi, abbiamo proposto di individuare una diversa area industriale, tra le tante aree desertificate disseminate nella nostra regione, dove localizzare questo investimento, creando così nuova occupazione e tutelando allo stesso tempo l'occupazione esistente”.
Ufficio stampa Cisl Basilicata

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.