Lombardia. Expo, pass negati. Cisl: "Niente fughe in avanti. Per ora diciamo no al ricorso alla magistratura"

Milano, 9 giugno 2015. "Niente fughe in avanti sulla vicenda dei 600 'licenziati' da Expo, la Cisl non ha alcuna intenzione, per il momento, di infilarsi lungo la strada impervia del ricorso alla Magistratura. C'è un punto, in via preliminare, da chiarire: col Prefetto di Milano stiamo discutendo per capire quali sono i confini entro i quali - nelle manifestazioni assimilabili ad Expo - un lavoratore può essere allontanato. Serve un protocollo chiaro che tuteli chi organizza un evento straordinario, per il quale la sicurezza è al primo posto, ma servono garanzie per i lavoratori e le imprese che li assumono. Il sito Expo è sensibile e sono del tutto comprensibili le cautele di chi ne ha la responsabilità. Ma facciamo in modo che questa esperienza possa servire per evitare sorprese in futuro, magari durante altri grandi eventi. Personalmente non credo che la scelta di Expo, riguardo a questi 600 lavoratori, si possa ricondurre alla persecuzione politica. C'è troppa animosità strumentale in campo. Seguiamo il percorso che abbiamo scelto, sollecitando il Prefetto affinché si stringano i tempi, poi, se ci sarà la necessità, potremo valutare eventuali ricorsi individuali alla Magistratura".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.