Emilia Romagna. Raggiunta a Modena intesa sui contratti di affitto a canone concordato


Modena, 2 Febbraio 2016 - Riduzione delle fasce di oscillazione dei canoni massimi, nuovi parametri e criteri per la determinazione dei canoni stessi e riduzione delle zone. Sono le principali novità contenute nel nuovo accordo territoriale sui contratti di affitto a canone concordato, che nel Comune di Modena sono oltre 14 mila. Firmato nei giorni scorsi dai sindacati degli inquilini Sunia (Cgil), Sicet (Cisl), Uniat (Uil) e da Asppi, l'associazione che tutela la piccola e media proprietà immobiliare, il documento, che sostituisce il precedente del 2008, stabilisce canoni mensili più coerenti con l'attuale situazione immobiliare, semplificando e aggiornando i parametri per la definizione dei contratti. L'intesa è stata presentata ieri - lunedì 1 febbraio - in Provincia con la partecipazione di Gian Carlo Muzzarelli, presidente della Provincia,~Francesco Lamandini, presidente di Asppi, Antonietta Mencarelli del Sunia e Eugenia Cella del Sicet. «Questo nuovo accordo - ha sottolineato Muzzarelli - evidenzia che attraverso il confronto tra i sindacati degli inquilini e le associazioni della proprietà immobiliare è possibile fornire~risposte concrete su un problema così delicato come la casa. L'accordo, valido per il Comune di Modena, farà da apripista anche per gli accordi sottoscritti in futuro nel resto della Provincia». Asppi e i sindacati degli inquilini sottolineano l'importanza strategica di questo nuovo accordo che «fornisce un quadro aggiornato e chiaro per una tipologia di affitto sempre più importante per il nostro territorio». I canoni concordati contribuiscono a calmierare il mercato della locazione: da un lato permettono a molte famiglie modenesi di usufruire di~un affitto a costi sostenibili e adeguati al proprio reddito, e dall'altro prevedono una fiscalità agevolata per i proprietari: cedolare secca al 10 per cento, riduzione dell'Imu del 25 per cento e una detrazione fiscale più elevata, sia per i proprietari che per gli inquilini. Sunia, Sicet e Uniat, insieme ad Aspp hanno sollecitato il sostegno all'edilizia residenziale pubblica, il ripristino in forma permanente con risorse adeguate del fondo sociale per l'affitto, la promozione di politiche di prevenzione degli sfratti per morosità incolpevole, l'aumento del numero degli alloggi destinati dell'Agenzia Casa, il sostegno a interventi di aiuto alle famiglie più fragili,~l'aggiornamento delle politiche dei Peep e la riduzione del carico fiscale (Imu) sugli immobili.
Tutte le nuove regole: zone ridotte a quattro, nuove fasce e parametri
La principale novità contenuta nell'accordo sui canoni concordati è la riduzione delle zone in cui viene suddiviso il Comune di Modena: dalle precedenti cinque aree si passa a quattro zone, secondo i criteri stabiliti dell'Agenzia del territorio (centro, semicentro, periferia e zona suburbana e rurale). Alla nuova suddivisione si aggiunge la rimodulazione delle fasce di oscillazione del canone mensile che unificano i minimi e riducono i massimi di una percentuale che varia fra il 2 il 10 per cento: per una casa di medie dimensioni la riduzione si attesta tra i 10 e i 68 euro mensili. La modifica si è resa necessaria per recepire l'attuale valore di mercato degli immobili, in contrazione a causa della crisi. Viene superato anche il vecchio criterio delle aree di minore o maggiore pregio, con la sola eccezione delle vie del centro storico di grande prestigio, che vengono valorizzate mantenendo una maggiorazione del 6 per cento. Il nuovo accordo territoriale, infine, aggiorna i parametri per la determinazione del canone: è stato tolto il criterio del riscaldamento, oggi di fatto presente praticamente tutte le abitazioni, e aggiunto un ulteriore parametro relativo alla sicurezza (allarme interno e inferriate), ritenuto un tema di particolare importanza, cercando anche di semplificare la descrizione dei parametri stessi. Ecco un esempio di contratto mensile a canone concordato in base ai nuovi accordi territoriali, per un appartamento alla periferia di Modena di dimensioni comprese tra 50 e 70 mq: fascia minima (meno di cinque parametri oggettivi), il canone concordato minimo sarà 400 euro, massimo 430 euro mensili; fascia media (cinque parametri oggettivi) minimo 437 euro, massimo 487 euro; fascia alta (oltre cinque parametri oggettivi), minimo 487 euro, massimo 543 euro al mese. Ufficio stampa Cisl Modena

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.