Ilva. Fim e Fisascat Taranto: soluzioni condivise per confermare il diritto alla mensa in Ilva

Taranto, 22 marzo 2016. Fim Cisl e Fisascat Cisl territoriali, con riferimento alle disposizioni della Asl/Ta (n. 391 del 26.10.2015) concernenti le nuove modalità di accesso dei lavoratori diretti e dell’appalto alle mense centrali dello stabilimento siderurgico dell’Ilva, nonché alla conseguente redazione di un apposito regolamento elaborato dall’Azienda Sodexo che gestisce tale servizio con una forza-lavoro di 200 dipendenti, sottolineano l’opportunità di tali prescrizioni se effettivamente utili a preservare la sicurezza, la salubrità e la vivibilità degli ambienti in cui vengono consumati i pasti. Per quanto attiene alla necessità, ove ricorra, di sostituire gli abiti insudiciati oppure di indossare grembiuli monouso o altri sistemi di pari efficacia, in particolare da parte dei lavoratori operanti non stabilmente nelle aree interne, delimitate con segnaletica indicante il rischio cancerogeno, così come comunicato dall’Azienda ai Capi area dello stabilimento, Fim Cisl e Fisascat Cisl rimangono in attesa di conoscere quali soluzioni pratiche la Direzione aziendale intende perseguire, anche e soprattutto in vista della richiesta di sopralluogo congiunta inviata alla Asl ed ai Responsabili del Servizio Prevenzione e Protezione (Rspp). Il diritto alla mensa è un valore contrattuale inalienabile, così come il principio civile di consumare un pasto in maniera pulita e dignitosa ed in un luogo salubre come anche sancito da diverse sentenze emesse, nel tempo, da Giudici del lavoro. Perciò Fim Cisl e Fisascat Cisl sollecitano Ilva e Sodexo ad individuare di comune accordo e nel breve tempo soluzioni immediate atte a rendere praticabili le disposizioni della Asl, a non penalizzare in alcun modo i lavoratori ed a scongiurare qualsivoglia messa in discussione del servizio mensa e dell’intera organizzazione ad esso collegato.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.