Maserati. Fim e Cisl Emilia Centrale: preoccupati per il futuro dello stabilimento. Insieme con le istituzioni per una soluzione

Modena, 8 aprile 2016. «Il futuro dello stabilimento Maserati di Modena ci preoccupa perché l’azienda continua a non fornire risposte chiare e concrete. Tuttavia siamo impegnati a tutti i livelli per trovare soluzioni». Lo dichiara il segretario generale della Fim Cisl Emilia Centrale Claudio Mattiello commentando l’esito dell’incontro avuto mercoledì scorso 6 aprile con Pietro De Biasi, responsabile relazioni industriali di Fca venuto a Modena su richiesta delle organizzazioni sindacali nazionali e provinciali firmatarie del contratto Fca, cioè Fim Cisl, Uilm Uil, Fismic Confsal, Uglm e Aqcf, per parlare delle prospettive dello stabilimento Maserati. «Rispetto alla Uilm, noi siamo meno ottimisti sulla possibilità che venga prodotto a Modena un nuovo modello Maserati – dice Mattiello – In ogni caso, poiché un nuovo modello richiede tempi non brevi di industrializzazione, si pone, anche nella migliore delle ipotesi, un problema di scarico di lavoro, quantificabile in circa 120 persone (105 operai e 15 impiegati). Fca ha dato la disponibilità per il distacco, che potrebbe diventare definitivo, di circa 50 persone in Ferrari, il passaggio di circa dieci persone nella divisione Maserati Corse, la trasferta/trasferimento di eventuali volontari alla Sevel di Val di Sangro, a Termoli e, in futuro, anche a Cassino. Infine c’è la possibilità di aprire un percorso di uscita volontaria finalizzata alla pensione». Sul tema interviene anche il segretario generale della Cisl Emilia Centrale William Ballotta: «Calma e sangue freddo, - suggerisce Ballotta – questa situazione impone di muoversi insieme, non di andare in ordine sparso per cercare visibilità. Sindacati e istituzioni uniscano energie e sforzi per difendere il binomio storico tra Modena e il Tridente, che ha un grande valore economico e sociale, oltre che rappresentare un simbolo del nostro territorio». «In caso di risposte negative dell’azienda e qualora non fossero raggiunti gli obiettivi di piena occupazione e saturazione, insieme alle altre organizzazioni sindacali metteremo in campo tutte le iniziative, nessuna esclusa, per tutelare i lavoratori Maserati – avverte Mattiello - Quanto alle accuse della Fiom, non è questo il momento di dividersi e polemizzare, anche se è molto più facile stare fuori e protestare, piuttosto che – conclude il segretario della Fim - affrontare i problemi in modo pragmatico, non ideologico, e cercare delle soluzioni». Ufficio stampa Cisl Modena

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.