Emilia Romagna. Ddl scuola, appello ai parlamentari e presidio non stop

Modena, 23 giugno 2015. Un presidio non-stop per dire no al ddl "La buona scuola". Si svolge a Modena presso il sacrario ai caduti della Ghirlandina, prende il via oggi - martedì 23 giugno - dalle 19 alle 20 e prosegue tutti i giorni dalle 17.30 alle 18.30, in concomitanza con l'esame del ddl al Senato. L'iniziativa fa parte di "Fermatevi!", l'appello rivolto ai parlamentari di ogni schieramento politico affinché non votino il provvedimento. La protesta, promossa dal coordinamento provinciale Rsu scuole pubbliche di Modena con il sostegno di Flc-Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda, si svolge simultaneamente a Bologna, Ferrara e in altre città italiane. Con la mobilitazione si chiede innanzitutto che il ddl venga ritirato e sostituito con un semplice decreto per l'assunzione dei docenti precari e che di una riforma della scuola si ragioni con calma con tutte le componenti della scuola. Intanto prosegue anche lo sciopero della fame a staffetta che ha fatto tappa a Modena la scorsa settimana. Domani - mercoledì 24 giugno - una delegazione modenese consegnerà il libro rosso al comitato di Ravenna.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.