#aTestaAlta. Anche i pensionati di Foggia a Roma il 19 per la manifestazione nazionale

Foggia, 18 maggio 2016. “A testa alta! Tutti insieme per rivendicare diritti e dignità dei pensionati”. È questo il tema della manifestazione che si terrà il 19 maggio a Roma, alla quale parteciperà una delegazione della Fnp CISL di Foggia. Saranno oltre 500 i pensionati della Fnp provenienti dal territorio di Capitanata e della BAT che parteciperanno alla manifestazione in Piazza del Popolo. La Federazione territoriale dei pensionati della Cisl ha organizzato autobus che partiranno da Barletta, Minervino, Canosa, Foggia, San Severo, Manfredonia e Torremaggiore, per “far sentire la voce dei pensionati e delle tante persone che nella nostra terra vivono in condizioni di grande disagio e sofferenza”. E’ quanto afferma il segretario generale della FNP Cisl di Foggia, Giuseppe Santelia, che evidenzia come “le tante problematiche che pongono le federazioni sindacali FNP CISL, SPI CGIL e UILP UIL meritano il massimo sostegno da parte di tutto il movimento sindacale”. Per Santelia, la manifestazione di 40mila pensionati, giovani, lavoratori e non solo, “riguarda sicuramente lo stato delle pensioni, ma la sua rilevanza è molto più forte per i tanti punti posti, a partire da un cambiamento sostenibile da creare con interventi corretti e mirati”. Le tre organizzazioni dei pensionati chiedono il rispetto di quei diritti fino ad ora negati: difesa delle pensioni di reversibilità; tutela del potere d'acquisto delle pensioni; recupero del danno prodotto dal blocco della rivalutazione; separazione tra previdenza e assistenza; uguali detrazioni fiscali per lavoratori dipendenti e pensionati; estensione degli 80 euro alle pensioni più basse; modifica della Legge Fornero per facilitare la flessibilità in uscita e permettere l'entrata dei giovani nel mondo del lavoro; maggiori risorse per l'invecchiamento della popolazione e una legge quadro per la non autosufficienza. A tal fine, Santelia invita “le organizzazioni sindacali a tutti i livelli a non lasciare soli i pensionati nelle grandi manifestazioni al fine di dimostrare quella grande forza che serve per risolvere i problemi del Paese e far capire a chi di dovere che le enunciazioni sono belle se poi vengono attuate. Questo Paese ha bisogno di gente che fa e di onestà intellettuale al servizio di chi per colpa di altri è costretto a soffrire sempre”. L’obiettivo dei sindacati è “trovare insieme le soluzioni che possano mettere fine, una volta per tutte, ad una situazione di perenne difficoltà nella quale i nostri pensionati sono costretti a vivere. Tutto ciò anche a danno dei nostri giovani che non riescono a trovare alcuna prospettiva lavorativa che permetta loro di costruirsi un futuro. È per questo che il 19 maggio ci ritroveremo tutti insieme a Piazza del Popolo per far sentire la nostra voce e pretendere che il governo ci dia ascolto”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.