General Electric. Fim Cisl: Governo ritiri mobilità

Roma, 18 maggio 2016. L’atteggiamento di chiusura di GE è inaccettabile. La multinazionale statunitense sta investendo nel nostro Paese, e questo è sicuramente un bene, ma non può nel contempo chiudere e licenziare a Sesto S. Giovanni. Contrariamente a quanto concordato col Governo, organizzazioni sindacali e Istituzioni locali negli incontri svolti nelle scorse settimane al Ministero dello Sviluppo Economico, GE ha avviato unilateralmente la procedura di licenziamento per 179 lavoratori dello stabilimento di Sesto San Giovanni: una scelta inaudita e irresponsabile. Chiediamo al Governo d’intervenire nei confronti della multinazionale per far ritirare immediatamente la mobilità per i lavoratori di S.S Giovanni e aprire una discussione che trovi una soluzione per questi lavoratori e le loro famiglie. Un gruppo importante come GE è chiamato ad un maggiore senso di responsabilità verso i lavoratori e le istituzioni italiane per questo chiediamo a GE di tornare sui propri passi e riaprire una discussione per trovare una soluzione per i lavoratori e per il futuro industriale del sito lombardo. Se dopo l’incontro, previsto il prossimo 25 maggio presso il MiSE, non avremo risposte certe per i lavoratori di Sesto, la mobilitazione nello stabilimento lombardo sarà accentuata e sarà necessario il coinvolgimento nel resto del Gruppo.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.