Gioia Tauro. Cisl e Fit Calabria: dal governo impegni precisi per il Porto

Lamezia Terme, 6 luglio 2016. “Oggi a Palazzo Chigi alla presenza del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Prof. C. De Vincenti, dei rappresentanti dei vari Ministeri Interessati, del Presidente della Giunta Regionale on. M. Oliverio e dell’Assessore al ramo Prof. F. Russo, si è svolto il programmato incontro con le OO.SS. CGIL, CISL, UIL, UGL nazionali, regionali e territoriali. Per la CISL erano presenti il Segretario Nazionale P. Paniccia, U. Milone, i Segretari Generali CISL Calabria P. Tramonti, il Segretario Generale Fit-CISL Calabria A. Fiorenza. La difficile situazione legata alla crisi aziendale di MCT S.p.A., le permanenti difficoltà del Porto di Gioia Tauro a competere con il sistema portuale Euro Mediterraneo e la pesante crisi occupazionale che dal 2010 mantiene inalterato il dato negativo di circa 450 lavoratori in Cassa Integrazione a rotazione, non poteva che riscontrare notevoli difficoltà.” Questo è quanto ci rendono noto il Segretario generale Cisl Calabria, Paolo Tramonti, e il Segretario generale Fit Cisl Calabria, Annibale Fiorenza. “Difficoltà accentuata dalla crisi economica e finanziaria, oggi ribadita dalla Presidente di MCT Dt.sa Cecilia Battistello. Il confronto, avviato in un clima teso ma costruttivo, si è quindi sviluppato nel guado di una riconfermata crisi aziendale accompagnata da un recente passato di un evidente stato d’inerzia politica e istituzionale della Regione e del Governo Nazionale, incapaci di garantire, ad oggi, la realizzazione delle attese opere infrastrutturali e delle necessarie politiche fiscali e di promozione commerciale atta ad attrarre investimenti, diversificare le attività e rendere strategico e competitivo il Terminal portuale con annessa area portuale e retro portuale di Gioia Tauro - continuano i due Segretari - Da questo scenario di generale sfiducia, oggi si è potuto registrare, un concreto impegno del Presidente e dell’Assessore Regionale, e la presenza del Ministro conferma di un serio impegno del Governo nazionale. Conferma del Ministro e del Governo sulla concreta volontà a invertire la rotta, finalizzando nel breve e medio termini, l’attuazione degli interventi già programmati e finanziati. La stessa proposta dell’Agenzia per il lavoro, oltre ai 12 mesi di Cigs già richiesta dall’azienda, avanzata dal Ministro, per una più congrua gestione transitoria della crisi occupazionale, manifesta una nuova particolare attenzione per il comparto del Transhipment nazionale e, allo stesso tempo una pragmatica determinazione da parte del Governo Nazionale e Regionale ad accelerare i processi di implementazione delle opere che possono assicurare nuove attività produttive, in grado, nell’arco di un triennio, di garantire la stabilità occupazionale. L’incontro si è concluso con una condivisione della proposta del Ministro è del percorso che seguirà da oggi al prossimo 20 luglio, quando le parti ci rincontreremo a Palazzo Chigi, per definire dettagli e contenuti sia dell’Agenzia e sia del nuovo Accordo di Programma con annesso Crono programma delle opere destinate a generare nuovo lavoro e strategicità dello scalo. Le parti al Tavolo hanno convenuto – concludono Tramonti e Fiorenza - sull’aggiornamento dell’incontro e del percorso delineato, auspicando di poter costruire ed implementare utili convergenze sulle migliori soluzioni effettivamente praticabili per assicurare prospettive realizzabili e che possono dare nuovo impulso occupazionale e produttivo.”

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.