Mobilità. Falotico (Cisl Basilicata): ci sono segnali positivi per la “Ferrandina-Matera”

Potenza, 7 luglio 2016. “L'inattesa ma incoraggiante convergenza politica delle ultime settimane sulla Ferrandina-Matera è un segnale incoraggiante per arrivare allo sblocco definitivo di un'opera strategica per la mobilità regionale ed extraregionale”. Lo ha detto stamane il segretario generale della Cisl Basilicata, Nino Falotico, commentando le numerose prese di posizione dei parlamenti lucani di ogni schieramento politico sul collegamento ferroviario Ferrandina-Matera, "una convergenza da noi sollecitata e auspicata per conseguire l'obiettivo infrastrutturale, saranno poi i lucani a discernere i meriti". “Dopo decenni di buio totale è arrivato il momento di accendere i riflettori sull'opera”, ha detto il leader della Cisl, sottolineando che “l'opera non rappresenta soltanto la risposta alle ragionevoli attese della comunità materana di vedere la Città dei Sassi, capitale europea della cultura, nel novero delle città servite dalla rete ferroviaria nazionale, ma è soprattutto l'essenza politica del concetto di coesione regionale, un antidoto al concetto delle macroregioni, oltre che un intervento strategico per compensare la forza centrifuga che sta spolpando la regione dal punto di vista economico e demografico con una forza centripeta in grado di cucire le aree interne con le aree transfrontaliere”. “Il nostro auspicio – ha detto ancora Falotico – è che non prevalgano tentazioni egemoniche su chi ha fatto di più e meglio per riaprire un capitolo che sembrava ormai consegnato agli archivi e che si lavori con la massima unità per fare in modo che alle mezze aperture del governo seguano impegni concreti e adeguate risorse finanziarie”. Per Falotico “con il completamento della Ferrandina-Matera la direttrice Taranto-Potenza-Salerno riassumerebbe i connotati di asse nevralgico intorno al quale riorganizzare anche la rete di trasporto secondaria al servizio delle aree interne della regione in una logica di integrazione intermodale tra ferro e gomma e di coesione territoriale. I benefici sarebbe notevoli sia per la mobilità delle persone, sia per la mobilità delle merci, da e per la Basilicata”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.