Ceramica. Femca Cisl Emilia Centrale: Gardenia Orchidea, accordo per cigs a sostegno del rilancio della produzione

Modena, 19 luglio 2016. Accordo sulla cassa integrazione straordinaria per crisi aziendale alla Gardenia Orchidea, azienda di Fiorano Modenese che produce piastrelle in ceramica e dà lavoro a 259 persone. Lo hanno sottoscritto con la direzione aziendale i sindacati Femca Cisl Emilia Centrale e Filctem Cgil di Modena, unitamente alla rsu. La cigs, che interesserà tutti i dipendenti a rotazione, decorre dal 22 agosto prossimo e si prolungherà fino al 22 febbraio 2017. In questi sei mesi l’azienda convertirà l'impianto di produzione di rivestimento di bicottura in un impianto di produzione di pavimento di porcellanato. Tale intervento porta a modificare in modo significativo il piano di rilancio della Gardenia Orchidea, che a settembre 2015 aveva presentato la richiesta di concordato in continuità incentrato sul mantenimento della doppia produzione di pavimento e rivestimento, l'aumento delle rese di produttività e qualità del prodotto, la diminuzione dei costi generali d'impresa, il rilancio commerciale dei propri marchi, la riapertura di linee di credito finanziario. «La modifica del piano originario dimostra la volontà di continuare in modo determinato affinché l'azienda possa uscire dalla situazione di crisi, sfociata nella procedura di concordato – affermano Massimo Muratori (Cisl) e Claudio Tonelli (Cgil) - Questo va ascritto all'impegno profuso dai lavoratori e dalle nuove figure dirigenziali entrate in azienda a ottobre 2015. Sosteniamo tutte le iniziative utili al rilancio dell'azienda e percorsi che rappresentino un chiaro segnale di discontinuità rispetto alle scelte operate dal gruppo dirigente che ha portato l'azienda sull'orlo del fallimento. Allo stesso tempo siamo impegnati a vigilare affinché gli impegni assunti siano rispettati in modo coerente da tutti gli attori. Purtroppo – continuano i due sindacalisti - una parte dell'attuale gruppo dirigente, pur avendo contribuito alla stesura del primo progetto e sbagliato la previsione sulla sostenibilità della capacità produttiva del rivestimento in bicottura, continua a dimostrare di non essere in sintonia con chi vuole costruire una nuova identità di Gardenia Orchidea». Per tali ragioni Femca Cisl Emilia Centrale, Filctem Cgil Modena e la rsu auspicano che si possano creare rapidamente le condizioni per un ricambio del vecchio gruppo dirigente utile a rendere più credibile lo sforzo che, insieme ai lavoratori, il direttore generale e il responsabile di produzione stanno mettendo in campo per dare un futuro alla Gardenia Orchidea.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.