Emilia Romagna. Incontro Comune sindacati: al via il Patto per il lavoro

Reggio E., 20 luglio 2016. Sindacati di nuovo assieme, nuove modalità di confronto col Comune sui tanti cantieri aperti e un Patto provinciale per il lavoro. “Sono diversi i motivi di soddisfazione che come Cisl Emilia Centrale esprimiamo dopo l’incontro con il Comune di Reggio Emilia: da oggi inizia un percorso per diversi versi inedito a Reggio Emilia”. Nei giorni scorsi, infatti, presso il Municipio di piazza Prampolini è andato in scena il confronto tra Comune di Reggio Emilia, rappresentato dal sindaco Luca Vecchi, dal vicesindaco Matteo Sassi, e dal mondo unitario dei sindacati, rappresentati dalle segreterie con Guido Mora, Ramona Campari (Cgil), William Ballotta, Margherita Salvioli Mariani (Cisl Emilia Centrale) e Ferdinando Guidetti (Uil Modena e Reggio). “E’ stato concordato l’impegno per definire un protocollo sulle modalità di relazione e lavoro tra Comune e sindacati. A fronte dei tanti cantieri strategici aperti, ma anche delle problematiche che talvolta ci hanno visto su posizioni differenti, è un elemento di novità – commenta William Ballotta, segretario generale della Cisl Emilia Centrale -. Anche perché su diversi temi a noi cari, come quello della Sanità o dello sviluppo delle aree di Mancasale, delle ex Reggiane o della Stazione Mediopadana avremo ora modo di rincontrarci e portare il contributo e le aspettative del mondo del lavoro”. Tra Comune e sindacati, inoltre, è stata definita la volontà di avviare anche a Reggio Emilia un percorso per siglare il Patto provinciale per il lavoro e la coesione sociale, già definito in altre realtà della regione. “Il Comune – osserva Ballotta – diviene così ‘regista’ di questo Patto da noi auspicato sin dal 2015. Esso, in fatto di lavoro e coesione sociale, potrà chiamare a dialogare tutta la società reggiana: mondo delle imprese e dei lavoratori, istituzioni, università, enti. E’ uno sforzo di condivisione di idee e responsabilità che, soprattutto sul fronte dell’occupazione e della crescita, potrà intercettare le molte risorse disponibili su base regionale. Ci giochiamo una buona fetta di opportunità per la nostra provincia”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.