Marche. Camere di Commercio, Cisl e Cgil chiedono di non disperdere il patrimonio di sviluppo

29 Luglio 2016 - Inaugurata ieri alla presenza del Presidente del Consiglio Matteo Renzi la Nuova Strada Statale 77 Foligno-Civitanova Marche. "Sicuramente - dichiarano le Rsu Camere di Commenrcio di macerata, Perugia e Ancona questa strada costituisce un tassello estremamente importante per lo sviluppo economico delle provincie interessate e di quelle limitrofe, consentendo nuovi flussi turistici, collaborazioni tra imprese e costituzione di nuovi contratti di rete. Le Camere di Commercio di Perugia, Macerata e Ancona hanno creduto fortemente a questo progetto e anche grazie alla destinazione di scopo di parte del diritto camerale incassato negli ultimi anni, hanno contribuito fattivamente versando sino ad oggi alla società Quadrilatero 10 milioni di euro con un impegno di durata trentennale per oltre 60. Vogliamo approfittare di questa occasione per ricordare al Presidente del Consiglio in primis, agli imprenditori, alle istituzioni e ai parlamentari ieri presenti a Colfiorito che già da ora e ancora più in futuro le Camere di Commercio non potranno più partecipare a tali iniziative né svolgere qualsiasi attività promozionale a favore delle imprese. Infatti la forte riduzione del diritto annuale previsto dalla legge 114/2014 e il decreto di prossima emanazione da parte del Consiglio dei Ministri che dovrebbe ridurre drasticamente le funzioni affidate alle Camere di Commercio renderanno impossibile alle camere di farsi promotrici o di partecipare a qualsiasi iniziativa di finanziamento di servizi e infrastrutture mirate allo sviluppo del tessuto imprenditoriale. Chiediamo al Presidente del Consiglio di rivedere i provvedimenti incidenti sul sistema camerale valutando se l’annullamento delle attività promozionali e di supporto all’imprenditoria finora svolte dalle Camere di Commercio possa avere un impatto negativo, a fronte di una riduzione insignificante del diritto annuale a carico delle imprese. In vista della imminente discussione nel Consiglio dei Ministri del Decreto di riforma delle Camere di Commercio, chiediamo di tenere in considerazione le competenze e il know-how acquisiti dal personale camerale, di non sprecarle ma di valorizzarle ai fini dello sviluppo del sistema imprenditoriale. Ufficio stampa Marche

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.