Lazio. Comune, sindacati: "Basta propaganda, si lavori per la città"

Roma, 2 settembre 2016. “Basta propaganda. La tempesta politica di ieri con le dimissioni a catena di capo gabinetto e assessore al bilancio e dei vertici delle partecipate Atac e Ama, è un punto di non-ritorno: o si verifica un vero e proprio cambio di passo o la risposta del sindacato sarà durissima. Il tempo non è una variabile indipendente e bisogna correre per rimettere in moto la macchina amministrativa, assumendo al più presto le delibere necessarie per il lavoro, lo sviluppo e la crescita della città". Così, in una nota, il segretario generale della Cgil di Roma e del Lazio Claudio Di Berardino, il segretario generale della Cisl di Roma Capitale e Rieti Paolo Terrinoni e il segretario generale della Uil di Roma e del Lazio Alberto Civica. “Il sindacato confederale Cgil, Cisl e Uil ha atteso con rispetto e pazienza la convocazione di un incontro mai arrivata, nonostante l’urgenza evidente di aprire un serio confronto sulla città, i servizi, le periferie, una tassazione locale troppo pesante, il welfare che va ripensato se vogliamo ridurre la povertà e le fragilità sociali. Le aziende comunali e la macchina pubblica vanno riorganizzate e riqualificate, valorizzando il lavoro e le professionalita' dei lavoratori con la tutela della qualità del servizio: il tutto dentro ad una idea di città e di modello di sviluppo che continua ad essere assente”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.