Lavoro. Cgil, Cisl, Uil Calabria sollecitano maggiore attenzione per la Calabria

Lamezia Terme, 6 settembre 2016. Si sono riunite oggi le segreterie di Cgil, Cisl, Uil Calabria per tracciare un percorso unitario centrato sull’esame delle numerose vertenze aperte nei vari territori e sulle criticità più stringenti. Cgil, Cisl, Uil esprimono profonda preoccupazione per gli indicatori economici calabresi che confermano la disattenzione delle politiche nazionali, al di là dei titoli e degli annunci. In questo senso anche l’azione del Governo regionale deve essere mirata ad assumere un ruolo guida per una non più rinviabile vertenza Calabria che abbia carattere e respiro nazionale. Nel corso della riunione è emersa la comune valutazione sulla necessità di un rilancio a livello economico, sociale e produttivo della nostra Regione e su queste basi si ritiene necessaria la riapertura di un confronto vero e costante con il Governo regionale che possa determinare una reale inversione di tendenza. Per la Calabria non c’è più tempo da perdere, occorrono politiche organiche e strutturali da parte del Governo nazionale sostenute da maggiori risorse ordinarie, oltre che comunitarie. Per Cgil, Cisl, Uil urge in particolare attivare con il Governo regionale un tavolo sull’assetto idrogeologico e rischio sismico all’interno di un più complessivo confronto partenariale. Cgil, Cisl, Uil Calabria chiedono inoltre un confronto-verifica sulla programmazione comunitaria, Patto per la Calabria, Lavoro, sociale, sanità. Nei prossimi giorni sono previste nuove iniziative a livello unitario per definire ulteriori percorsi e azioni comuni.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.