Trasporto urbano. I Sindacati di settore del Lazio chiedono che intervenga la proprietà di ATAC

Roma, 14 settembre 2016. "Continua l’operazione di menzogna di ATAC S.p.A. Siamo arrivati al punto che la colpa delle soppressioni è relativa a presunte minacce ai lavoratori per “boicottare “ i servizi. “Operai e autisti non c’entrano nulla!”. Così, in una nota unitaria,le segreterie regionali di Filt Cgil, Fit Cisl e UilTrasporti. "Il vero problema è l’incapacità gestionale e la mancanza di materiali di ricambio. E’ da tempo, ormai, che lo denunciamo e infatti in sei mesi siamo passati da circa 1.500 Autobus in uscita ai circa 1.200 di oggi, con ulteriori 300 guasti in linea. Per di più, un’Azienda che fino ad oggi ha professato “Trasparenza”, in queste ore sta emettendo provvedimenti di avanzamenti, senza nessuna prova selettiva e in totale assenza di trasparenza. I Lavoratori, le Lavoratrici e i Cittadini romani dovrebbero avere un Management che si dimostri degno di questa Città". Concludono i sindacati di Cgil, Cisl Uil trasporti del Lazio.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.