Puglia. FILT CGIL, FIT CISL , UILT UIL e FAISA CISAL: "Bene ipotesi intervento Fsi per dare continuita’ aziendale"

Bari, 22 settembre 2016. "Apprendiamo con immensa soddisfazione la notizia della decisione del CdA di FSI di inserire nel suo piano industriale 2017-2025 l’acquisizione delle FSE". E' quanto scrivono in un comunicato unitario FILT CGIL, FIT CISL , UILT UIL e FAISA CISAL. "L’inserimento di FSE nel Gruppo FS, -proseguono i sindacati-  leader tra le Aziende all’avanguardia in Europa per capacità tecniche, organizzative ed economiche e con bilanci annui in costante utile per milioni di euro, porrà sicuramente le FSE in condizioni di assolvere alle obbligazioni, di consentire il rilancio dell’azienda e di assicurare i posti di lavoro degli oltre 1200 lavoratori interessati, nonché quelli dell’indotto, e in sostanza, di rilanciare velocemente le FSE. Infatti, è arcinoto a tutti che le FSE sono in grado di generare utili di bilancio che superano di gran lunga i 20 milioni di euro annui, e, nonostante la devastazione finanziaria subita in questi ultimi anni, dal 12 gennaio 2016, in seno ad una gestione commissariale attenta ed oculata, le FSE hanno fatto registrare utili netti per circa 14 milioni di euro in sei mesi. A questo si aggiungano altresì tutti gli atti di risanamento tecnico-economici già posti in essere da questo management, nonché tutti gli investimenti programmati a breve termine e gli ingenti lavori di ammodernamento e potenziamento già in fase di esecuzione sulla rete FSE. Inoltre nel piano attuativo del Piano Regionale dei Trasporti sono già disponibili 63 milioni di euro, destinati a modernizzare ulteriormente 150 km di linea FSE, oltre agli interventi mirati posti in campo dall’azienda per il funzionamento a pieno regime di tutti i treni e autobus con i relativi impianti tecnici collegati. L’inserimento nel Gruppo FS rappresenta quel vigoroso sostegno tecnico ed economico che consentirà ad FSE di riappropriarsi in maniera stabile e definitiva di quel ruolo di capofila tra le aziende di mobilità pugliese che gli è sempre appartenuto. Appare evidente che ogni diversa operazione, compresa quella di un’ipotetica decretazione fallimentare, che contrasti con l’obiettivo della salvaguardia del posto di lavoro dei 1200 dipendenti di FSE con le loro famiglie, nonché del suo grande indotto, genererebbe un cataclisma incontrollato sulla popolazione di un vasto territorio della Regione Puglia, oltre a sancire la fine di una grande impresa che ha fatto la storia degli ultimi 70 anni del trasporto pubblico pugliese e nazionale. Il nuovo percorso che ci accingiamo ad intraprendere insieme alle Ferrovie dello Stato, non può che rappresentare un buon viatico per dissipare ogni dubbio ed ogni perplessità sul futuro delle FSE e dei lavoratori tutti, nel segno della solidità, della garanzia e dell’impeccabilità di un servizio ferroviario ed automobilistico fornito a tutta l’utenza della Regione Puglia".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.