Basilicata. La Ronda. ilcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil: "Con offerta Cosmopol non garantiti i livelli occupazionali e pesanti ripercussioni anche sul salario".

Potenza, 23 settembre 2016 - In vista dell’avvio del confronto sul futuro dell’istituto di vigilanza La Ronda al ministero dello sviluppo economico, previsto per martedì 27 settembre alle 14:30, le segreterie regionali di Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs Uil hanno riunito le rappresentanze sindacali aziendali per valutare il documento informativo elaborato dai commissari straordinari de La Ronda e dal management di Cosmopol, unica azienda ad aver presentato una proposta di acquisto dell’istituto potentino considerata ammissibile dal Mise, mentre l’altra offerta presentata dal gruppo La Torre è stata invece rigettata dal ministero per mancanza di requisiti. Dall’esame del documento è emersa la forte contrarietà dei sindacati per “le inaccettabili condizioni poste che non garantirebbero per intero i livelli occupazionali e minerebbero fortemente le retribuzioni degli attuali dipendenti dell’istituto di vigilanza”. “Da un’attenta lettura della nota informativa - spiegano i segretari generali Pasquale Paolino, Aurora Blanca e Rocco Della Luna - si evince che 77 addetti sui 274 dipendenti complessivi non sarebbero ‘immediatamente impiegabili’; in pratica circa il 25 per cento dell’intera forza lavoro non avrebbe certezza di trovare collocazione nelle attività aziendali. Inoltre, l’azienda acquirente, nell’ambito del suo programma di acquisizione e riorganizzazione, non potrebbe garantire gli attuali livelli di inquadramento per la quasi totalità dell’organico e non garantirebbe per intero gli scatti di anzianità maturati, con una perdita stimata di circa 250 euro mensili per ogni lavoratore. Si tratta, evidentemente, di condizioni inaccettabili che minano la serenità del confronto in quanto intervengono su istituti sanciti dal contratto nazionale e per questo irrinunciabili”. Lavoratori e sindacati hanno inoltre evidenziato “la mancanza di un qualsiasi piano industriale e un programma di investimenti che dimostri la reale volontà dell’azienda acquirente di sviluppare le attività de La Ronda. Il nostro timore è che siamo di fronte ad un’offerta improvvisata che mira all’acquisizione di un mercato e non allo sviluppo della società e alla tutela degli attuali livelli occupazionali. Per questo consideriamo inaccettabile questa proposta e manifestiamo tutta la nostra preoccupazione per l’avvio di una trattativa che si presenta già in partenza con posizioni distanti”. Paolino, Blanca e Della Luna confidano comunque nell’intervento delle istituzioni e in particolare del Mise “per creare un clima di fiducia e arrivare ad una nuova proposta che conservi tutti i posti di lavoro con le giuste retribuzioni e assicuri il consolidamento e il rilancio dell’azienda”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.