Umbria. Fist Cisl, prosegue nella regione il percorso di costituzione dei livelli regionali

Perugia, 30 settembre 2016 – Prosegue in Umbria il percorso di costituzione dei livelli regionali della F.I.S.T., la federazione italiana dei sindacati del Terziario affiliata alla Cisl nata nel 2014 dalla sinergia della Fisascat, la federazione del terziario turismo e servizi, e dalla Felsa, la federazione dei lavoratori autonomi, atipici e somministrati. I direttivi regionali delle due federazioni cisline hanno deliberato oggi a Perugia di dare vita alla nuova Fist Cisl Umbria, dove le due sigle partono da una base associativa che conta 4.200 iscritti. Nelle prossime settimane le segreterie regionali avvieranno le formalità statutarie per la costituzione della federazione regionale Fist.

«In una prospettiva di crescita la Fist Cisl si pone come priorità quella di creare condizioni occupazionali migliori per le migliaia di giovani e donne che anche in Umbria affrontano quotidianamente l’instabilità e la precarietà del lavoro ma per i quali il sindacato dovrà individuare sempre più nuove formule di tutela contrattuale e di rappresentanza» ha dichiarato il segretario generale della Fisascat Cisl Umbria Valerio Natili. «Oggi ci troviamo a fare un passo in avanti per essere maggiormente rispondenti ai tempi, per esigenze di semplificazione e per divenire interlocutori più rappresentativi» ha aggiunto la segreteria regionale della Felsa Cisl Umbria. Ai lavori è intervenuto il segretario organizzativo della Fist Cisl nazionale Rosetta Raso. «Oggi si avvia anche in Umbria il percorso di costituzione della federazione regionale della Fist Cisl con l’obiettivo di tutelare e dare una nuova rappresentanza alle forme genuine di lavoro atipico, autonomo e somministrato ed anche al lavoro dipendente nel terziario, turismo e servizi» ha dichiarato la sindacalista. Alla riunione dei direttivi regionali Fisascat e Felsa ha presenziato anche il componente della segreteria nazionale della F.I.S.T. Cisl Nazionale Ivan Guizzardi. Sale così a quota undici il numero delle federazioni regionali Fist ad oggi costituite. Dopo il Veneto, l’Emilia Romagna, la Toscana, la Liguria, il Lazi,o la Calabria, il Piemonte, la Lombardia, Sardegna, Friuli Venezia Giulia e Umbria il percorso istitutivo dei livelli regionali Fist Cisl proseguirà nelle prossime settimane in Sicilia, Valle D’Aosta, Abruzzo-Molise, Marche, Trentino, Campania, Puglia, Basilicata e Alto Adige. Ufficio Stampa FIST CISL Nazionale

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.