Toscana/Poste. Cisl: "No a chiusura uffici. La politica sia trasparente e costruttiva"

Firenze, 17 Luglio 2015 - "I 59 uffici postali toscani minacciati dalla chiusura devono restare aperti e il servizio postale non va smantellato, perché oltre alla chiusura c'è il pericolo di trasformare il CMP (Centro Meccanizzazione Postale) di Firenze in un CP (Centro Prioritario), con la perdita di 300 posti di lavoro". Così Riccardo Cerza, segretario generale Cisl Toscana e Vito Romaniello, segretario Cisl poste Toscana in una nota congiunta .

"Siamo con la Regione e con i cittadini toscani in questa battaglia - sottolineano -per tenere aperti gli uffici postali e appoggiamo la richiesta del Presidente Rossi di un tavolo nazionale immediato, ma la politica deve anche decidere di giocare questa partita in maniera chiara e trasparente.

Tanto per essere chiari: il rinvio per le elezioni lo ha deciso l'azienda, ma certamente la politica era ben contenta di ciò.

Noi, come sindacato, che rappresenta i lavoratori delle poste ma anche gli altri lavoratori e pensionati che, come cittadini, chiedono il mantenimento del servizio pubblico sul territorio, la chiusura non la volevamo né prima, né durante, né dopo le elezioni.

Per questo chiediamo che a quel tavolo nazionale, da ambo le parti, non ci si sieda con posizioni demagogiche, ma si cerchi una soluzione concreta, con enti locali, azienda e lavoratori, per tenere gli uffici aperti.

Non è disdettando le convenzioni e chiudendo i libretti postali che aiutiamo il mantenimento del servizio pubblico sul territorio, anzi rischiamo di aprire la strada alla desertificazione e alla privatizzazione" concludono.

Ufficio stampa Cisl Toscana

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.