Sanità. Gambardella (Cisl Basilicata): Bene ripresa del confronto sulla riforma del sistema sanitario regionale

Potenza, 14 ottobre 2016. Entra nel vivo la discussione sulla bozza di riforma del sistema sanitario regionale. Ieri in quarta commissione consiliare sono state sentite le parti sociali e gli ordini professionali di categoria. Per la Cisl era presente il segretario regionale e responsabile delle politiche sociali, Enrico Gambardella, che ha evidenziato le lacune della riforma e rimarcato “la necessità di compensare la razionalizzazione delle strutture ospedaliere, per effetto delle stringenti regole comunitarie e nazionali, con un deciso rafforzamento della medicina territoriale”. E di riforma della sanità si parlerà a Potenza, lunedì 17 ottobre, alle 10, nella sala conferenze del museo archeologico provinciale, in Via Ciccotti, nel corso di un convegno organizzato dalla Cisl. Interverranno, dopo il saluto del presidente della Provincia di Potenza, Nicola Valluzzi: il segretario regionale della Cisl Basilicata, Enrico Gambardella; il direttore generale dell’Asp di Potenza, Giovanni Battista Bochicchio; il segretario regionale del comparto sanità della Cisl Fp Basilicata, Pasquale Locantore; il segretario generale della Cisl Medici Basilicata, Serafino Rizzo; l’assessore regionale alla Sanità, Flavia Franconi; il sottosegretario alla Sanità, Vito De Filippo. Le conclusioni saranno affidate al segretario generale della Cisl Basilicata, Nino Falotico. Coordinerà i lavori il segretario generale della Cisl Fp Basilicata, Giuseppe Bollettino. Quali sono i contenuti principali della riforma sanitaria? Quali i tempi di attuazione del nuovo modello organizzativo della rete ospedaliera? Qual è la filosofia alla base della riforma? Questi alcuni degli interrogativi che animeranno il botta e risposta tra politica, istituzioni sanitarie e sindacato. “La ripresa del confronto sulla riforma del sistema sanitario regionale - spiega Gambardella - è l'occasione per fare chiarezza sui contenuti e sui reali obiettivi che il governo regionale intende perseguire attraverso la riorganizzazione delle strutture e dei servizi sul territorio. Finora la discussione si è incentrata sugli accorpamenti delle strutture ospedaliere e sul contenimento della spesa. Si è però parlato poco o niente dei bisogni di salute del cittadino e di come rilanciare la medicina territoriale. La sfida è duplice - continua il sindacalista della Cisl - da un lato dobbiamo mettere a fuoco il mutato fabbisogno sanitario e socio-assistenziale della società lucana con un’innovativa rete di medicina di base, dall’altro capire come costruire una sanità di eccellenza che sappia contenere l’emigrazione sanitaria e attrarre utenza dalle regioni vicine. Al cittadino comune che quotidianamente entra in relazione con il sistema sanitario nelle sue diverse articolazioni - spiega Gambardella - interessa poco chi fa il direttore sanitario o quali sono gli organigrammi di questa o quella struttura sanitaria. Al cittadino comune interessa invece molto quanto tempo occorre aspettare per ottenere una prestazione sanitaria, quali servizi può trovare sul territorio, come assicurare un’assistenza decorosa ad un familiare non autosufficiente. Con questo convegno vogliamo portare i bisogni delle persone al centro di un dibattito che rischia altrimenti di risultare del tutto sterile”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.