Emilia R. Il 23 novembre iniziativa contro la violenza sulle donne. Interventi del mondo associazionistico e testimonianze di operatori

Reggio Emilia, 21 novembre 2016. L’iniziativa del 23 novembre in Cisl Emilia Centrale. Idee concrete per una parità di genere nei luoghi di lavoro e in famiglia e per promuove azioni positive contro la violenza. E’ l’iniziativa “In primis le donne” promossa dalla Cisl Emilia Centrale e dal Coordinamento donne della stessa organizzazione mercoledì 23 novembre. Sarà l’occasione per riaffermare la validità dell’intesa siglata tra sindacati e Confindustria, che recepisce l’Accordo Quadro sulle molestie e la violenza nei luoghi di lavoro.
“Le molestie o la violenza nei luoghi di lavoro sono inaccettabili e vanno denunciate”, spiega la Cisl Emila Centrale, per voce di Simonetta Sambiase del Coordinamento Donne.
“Imprese e lavoratori hanno il dovere di collaborare al mantenimento di un ambiente di lavoro in cui sia rispettata la dignità di ognuno e siano favorite le relazioni interpersonali” aggiungono i segretari William Ballotta e Margherita Salvioli Mariani che ribadiscono l’impegno del sindacato per una prima assistenza a coloro che siano stati vittime di molestie o violenza nei luoghi di lavoro. Quindi la testimonianza dell’associazione Rabbunì che a Reggio Emilia si occupa di donne migranti in difficoltà.
Presso l’auditorium Simonazzi della sede reggiana della Cisl Emilia Centrale interverranno William Ballotta, segretario generale della Cisl Emilia Centrale, Margherita Salvioli Mariani, segretaria generale, aggiunta, Roberta Pavarini, presidentessa della Commissione partecipazione del Comune di Reggio Emilia, Giusi Speziale, di Unindustria Reggio Emilia, Giorgia Lusetti, sociologa, collaboratrice Telefono Rosa, Giovanna Bondavalli, dell’associazione Rabbunì.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.