Marche. Le associazioni a difesa dei consumatori muovono critiche alla proposta di legge regionale sulla ludopatia

Ancona, 23 novembre 2016. Il dramma del giocatore d’azzardo patologico comincia nelle sale da gioco e spesso finisce per manifestare i suoi effetti in banca o tra le grinfie di strozzini o della malavita, ma la proposta di legge regionale lo ignora. È quanto denunciano le Associazioni dei Consumatori Adiconsum, ADOC, Cittadinanzattiva, Federconsumatori e MDC che, già negli scorsi mesi, durante l’esame da parte della IV Commissione consiliare del testo unificato che ha sintetizzato le quattro proposte di legge presentate, dopo aver chiesto invano un’audizione avevano inviato le proprie osservazioni. Osservazioni che sono state totalmente ignorate, così come il tema del sovraindebitamento, l’altra faccia della medaglia della dipendenza patologica e dell’importante ruolo che già svolgono le Associazioni dei consumatori.

“Sembra che i nostri amministratori regionali non conoscano il problema nella sua interezza – sostengono Adiconsum, ADOC, Cittadinanzattiva, Federconsumatori e MDC –. È senza alcun dubbio necessario regolamentare il gioco d’azzardo al fine di limitare le patologie ad esso correlate ed i fenomeni spesso connessi, mettendo in campo tutte le opportune iniziative specie in ambito preventivo e in quello terapeutico, ma non è possibile ignorare in blocco le problematiche di carattere economico che le persone si trovano a dover affrontare nel loro drammatico percorso di dipendenza”.

Il giocatore malato di ludopatia spesso compromette le sue relazioni familiari, il suo lavoro, la sua posizione sociale ed è disposto a disfarsi del proprio patrimonio per racimolare il denaro necessario a saziare il bisogno di giocare. Questo lo porta non solo a vendere ciò che possiede, ma anche ad affidarsi ad una banca – se va bene – o, peggio, agli strozzini.

“Esistono percorsi e strumenti specifici per gestire le crisi economiche e il sovraindebitamento – sottolineano le Associazioni dei consumatori – da anni stiamo fornendo assistenza in questo ambito e svolgiamo iniziative di tutela oltre che di informazione a favore dei cittadini colpiti da queste problematiche. Un aspetto della patologia, quello del sovra indebitamento, che non può essere ignorato dal Consiglio regionale in sede di approvazione della legge”.
Adiconsum Cisl Marche
Adoc Marche
Cittadinanza Attiva Marche
Federconsumatori Marche
Movimento difesa del cittadino Marche

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.