Puglia/Industria. Fim, Fiom, Uilm Taranto: "Su Vestas e Marcegaglia Taranto mantenere alta l'attenzione a tutti i livelli. Dignità per i lavoratori"

Taranto, 8 settembre 2015 - Vestas e Marcegaglia rappresentano due vertenze importanti per il territorio di Taranto e vanno trattate con la massima attenzione istituzionale. In ballo c'è il futuro di cento famiglie (16 Vestas e 84 Marcegaglia).
All'incontro odierno, presso il Ministero dello Sviluppo Economico (Mise), Fim, Fiom e Uilm hanno riscontrato l'assenza da parte dei rappresentanti della Regione Puglia i quali, nonostante i vari inviti ricevuti dalle organizzazioni sindacali, ancora una volta hanno disertato il tavolo.
Lo scorso 27 luglio, infatti, Fim, Fiom e Uilm, con una lettera inviata al Presidente della Regione Michele Emiliano, agli assessori regionali allo Sviluppo Economico Loredana Capone e al Lavoro Sebastiano Leo, hanno chiesto un incontro urgente per analizzare ogni eventuale soluzione possibile utile a fronteggiare vertenza Marcegaglia Builtech (stabilimento di Taranto), alla luce anche degli impegni assunti da rappresentante della Regione all'incontro del 21 luglio u.s. presso il Mise.
Ad oggi registriamo la totale e ingiustificata assenza a tutti i livelli da parte dei rappresentanti regionali, ai quali, ancora una volta, rivolgiamo un accorato appello, affinché incontrino, con urgenza, le nostre organizzazioni sindacali evitando ulteriori ripercussioni negative in termini occupazionali, in un territorio già gravemente compromesso.
Fim, Fiom e Uilm considerano gli incontri odierni al Mise (per Vestas e Marcegaglia) assolutamente interlocutori e deludenti in attesa di nuovi rapidi aggiornamenti.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.