Fondi europei e mezzogiorno. Avviato il confronto con il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, Claudio De Vincenti, responsabile della politica di coesione territoriale

L’iniziativa Cisl per il Sud avviata con il Convegno di Bari e proseguita con il documento concordato con Confindustria sul Masterplan per il Sud  continua a produrre risultati.

Si è svolto nei giorni scorsi un incontro tra Cgil, Cisl, Uil e Confindustria con il Sottosegretario alla Presidenza del consiglio De Vincenti, responsabile per la politica di coesione. Un incontro atteso, utile nel merito e positivo per le confermate aperture ad un ruolo attivo del partenariato sociale nella gestione dei Fondi per il Sud.

Dal punto di vista del merito, da parte del Sottosegretario De Vincenti, sono state chiarite e date informazioni utili.

L’ammontare complessivo del Fondo sviluppo e coesione ( FSC) disponibile per i prossimi anni a valle delle allocazioni già disposte nel corso degli anni passati ammonta a circa 38 mild. di euro di cui circa 31 mld a sud e circa 7,5 al Centro Nord.

Di questi, circa 13 miliardi saranno ridistribuiti attraverso i Patti previsti dal Masterplan con le Regioni e le aree metropolitane del Sud. Alcuni accordi sono già stati firmati, Calabria, Campania, Basilicata e alcune città metropolitane (Reggio Calabria, Catania e Palermo). Altri sono in corso di definizione e si pensa di concluderli entro il mese corrente.

Sono esclusi dalle risorse indicate in tabella i finanziamenti già dati alle Regioni nel corso del 2015 e quelli già stanziate per il contratto di sviluppo di Taranto (800 Mil.).

La costituita Cabina di regia ,di cui fanno parte per il Governo De Vincenti, Costa, Boschi e Lotti, tre rappresentanti per le Regioni (Bonaccini, D’Alfonso, Oliverio) e un rappresentante delle città metropolitane (Fassino), dovrà definire le linee di investimento sulle quali impiegare i fondi FSC 2014 2020 in modo complementare e coordinato rispetto agli investimenti dei fondi strutturali (SIE).

Sottraendo le preallocazioni già fatte nel 2015 e le risorse da destinare al Masterplan, la Cabina di regia avrà il compito di definire la destinazione di circa 17 miliardi di euro. Di questi circa 12 sono per il Sud e 4,9 per il Centro Nord.

E’ già in corso il confronto fra le Regioni ed il Ministero delle Infrastrutture e Trasporti e quello per i Beni e le Attività culturali per definire gli indirizzi e la programmazione della spesa.

Abbiamo espresso apprezzamento per l’impegno del Governo alla velocizzazione della spesa e l’apertura al dialogo sociale, ma anche preoccupazione rispetto alla qualità ed efficacia degli investimenti, e ribadito la necessità che gli investimenti producano un effettivo e strutturale miglioramento del tessuto economico e sociale dei territori. E’ intenzione del Governo di procedere con lo strumento del Masterplan anche oltre il 2017.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.