Pilastro Europeo dei diritti sociali: osservazioni della Cisl

L’8 marzo 2016 la Commissione europea ha presentato una prima stesura di massima del "Pilastro europeo dei diritti sociali" preannunciato dal Presidente Juncker lo scorso settembre 2015 ed avviato una vasta consultazione pubblica.

In questo documento sono state individuate 20 aree specifiche di intervento,con relativi principi sui quali si svolge la consultazione, che vanno dalle pari opportunità e accesso al mercato del lavoro alle eque condizioni di lavoro, sino alla protezione sociale adeguata e sostenibile. 
L'intento del Pilastro, secondo la Commissione, sarà di orientare le politiche in una serie di settori essenziali per il buon funzionamento e l'equità dei mercati del lavoro e dei sistemi di protezione sociale negli Stati membri partecipanti, stabilendo una serie di principi fondamentali per indirizzare la rinnovata convergenza tra gli Stati membri.
 
Considerata l'importanza dell'obiettivo ed il rilievo del processo avviato, il Parlamento Italiano, ha convenuto sull’opportunità di acquisire elementi di valutazioni delle Parti sociali al fine di arricchire anche in sede nazionale il processo di consultazione anzidetto avviato dalla Commissione. 
Anche la Cisl è stata chiamata a dare il suo contributo, che è stato fatto pervenire alla Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, con un testo - su cui poter operare ulteriori approfondimenti - che partendo dalla urgenza di promuovere una Europa più sociale ha inteso rispondere in maniera completa a tutte le sollecitazioni della Commissione.
 
La consultazione pubblica della Commissione Europea si protrarrà fino al 31 dicembre 2016 e la stessa Commissione dovrebbe presentare la versione consolidata del pilastro europeo dei diritti sociali nella primavera del 2017. 
La CES, dal canto suo, ha formulato proprie osservazioni (elaborate all’interno dei vari Comitati e dunque anche con il coinvolgimento della Cisl) che ha presentato alle istituzioni europee, sia formalmente sia informalmente nell’arco di singoli incontri. 
La Cisl insieme alla CES vigilerà e rivendicherà in tutte le sedi un opportuno coinvolgimento affinché questo Pilastro possa realmente contribuire a rafforzare quel modello sociale europeo basato sulla dignità della persona, la libertà, la democrazia e l'uguaglianza, oggi fortemente in crisi e che va rilanciato e riaffermato per continuare a garantire uno sviluppo che consenta crescita economica ed inclusione sociale.
 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.