Politiche dei Servizi e del Terziario - Agroalimentare e dell'Energia

b_180_160_16777215_00_images_foto_segretari_profilo_Giovanni_Luciano.png

Giovanni Luciano
Segretario Confederale

Nato a Bomba in provincia di Chieti il 4 giugno del 1958, è Segretario Confederale della Cisl da giugno 2016.

Ha ricoperto l'incarico di Segretario generale della FIT, Federazione Italiana Trasporti e dei servizi ambientali della Cisl, dal 27 gennaio 2011 al 23 giugno 2016.

Diplomatosi "aspirante al comando di navi mercantili" presso l'Istituto Tecnico Nautico "Leone Acciaiuoli" di Ortona nel 1977, consegue anche il diploma d'infermiere generico presso la Croce Bianca di Milano nel 1979. Dal 17 luglio 1979 al 27 luglio 1982 si è imbarcato con la qualifica di allievo ufficiale e poi di terzo ufficiale di coperta, a bordo delle navi petroliere della Snam, effettuando navigazione oceanica.

Nel novembre del 1982 è stato assunto per concorso dalle Ferrovie dello Stato, con la qualifica di Capo Stazione. Capo Stazione Titolare della stazione di San Vito Lanciano nel 1992, nel 1996 è stato promosso Capo stazione Sovrintendente per concorso interno. Eletto nel frattempo Rsu nel 1994, inizia l'attività sindacale in quel periodo.
Il 18 Aprile del 1997 viene eletto Segretario generale della Fit Cisl Abruzzo, carica che manterrà fino al 22 marzo del 2007, data nella quale viene eletto Segretario Nazionale dei Ferrovieri. Nel frattempo, già dal settembre del 2000, svolgeva contemporaneamente l'incarico di Segretario generale della Fit Cisl Abruzzo e di membro dell'Ufficio di segreteria nazionale dei Ferrovieri.

Dal 25/2/2003 al 23/9/2004 è stato Presidente del "Comitato Amministratore del Fondo Speciale per il personale dipendente dalla Ferrovie dello Stato S.p.A.", istituito per le pensioni dei ferrovieri presso l'Inps. Dal 16/2/2011 al 16/2015 ne è stato anche membro.

E' Direttore del periodico "la Voce dei Trasporti", testata che vanta 66 anni di storia, da marzo del 2007 ad oggi.
Nel periodo dal 22 marzo 2007 al 27 gennaio 2011 ha ricoperto incarichi di Segretario Organizzativo e dei Ferrovieri ed è stato Segretario Generale Aggiunto dal Congresso del 2009.

Le attività del dipartimento

Per modernizzare e rilanciare il sistema-paese perni fondamentali sono l’innovazione tecnologica e il buon funzionamento dei sistemi a rete che debbono essere accompagnati da una strategia politica lungimirante che sappia dare slancio ad una sana competizione nei servizi e nel terziario, in particolare nelle telecomunicazioni, nelle poste, nel credito, nelle assicurazioni, nel commercio, nel turismo e nei trasporti.
Queste realtà rappresentano una risorsa insostituibile solo se capaci di assicurare elevati standard di competitività, di migliorare i servizi generali alle imprese e ai cittadini, di rispondere tempestivamente ai processi culturali, sociali e produttivi.
E’ indubbio che gli obiettivi di rilancio e di crescita passano e si costruiscono anche attorno a questi segmenti della realtà socio-produttiva e che, tuttavia, in questi ambiti è necessario combinare insieme la centralità del lavoro e della persona, l’evoluzione dell’impresa e la domanda dei consumatori all’interno del contesto normativo comunitario.
L’analisi e la riflessione va estesa, inoltre, alla riforma del sistema contrattuale. Riforma che, peculiarmente, deve variare la geometria delle competenze nazionali ed aziendali, prendendo atto delle novità determinate dalla trasformazione del mercato.
Lo scenario negoziale, pertanto, dovrà legare la contrattazione di settore con le specifiche situazioni presenti nelle realtà aziendali, dando maggior spazio e peso alla contrattazione decentrata in base a criteri di produttività e redditività. La contrattazione dovrà, poi, estendere la democrazia economica e le forme di responsabilità sociale d’impresa come soluzioni di garanzia alla trasparenza delle stesse.
Solo l'attività continua del sindacato, anche sul versante istituzionale, e il serio controllo delle competenti authority, potrà orientare le politiche industriali dei servizi e del terziario verso la valorizzazione delle professionalità e delle conoscenze all'interno delle organizzazioni di lavoro con forme di mercato, aperte, concorrenziali, responsabili, trasparenti e rispettose della partecipazione dei lavoratori, della clientela e della società.

 

Deleghe

  • a) Settori dei Servizi e del Terziario ( Commercio – Turismo – Trasporti - Credito – Assicurazioni ‐Tlc ‐ Spettacolo – Editoria – Grafici ‐ Cartai ‐ Poste);
  • b) Politiche Agroalimentari, dell’edilizia delle infrastrutture e difesa del suolo;
  • c) Politiche Energetiche;
  • d) Comitati di Vigilanza degli enti (authority);

Articoli e interviste

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.