Welfare. Petriccioli (Cisl) su rapporto Ocse pensioni: "Sostenibilità da rafforzare con aumento occupazione giovanile"

Roma, 1° dicembre 2015. “L’Italia è il Paese che più di ogni altro, fra quelli dell’area OCSE, ha realizzato, negli ultimi 20 anni, interventi legislativi che hanno messo in sicurezza la sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico, trascurandone semmai la sostenibilità sociale”. Lo ha dichiarato il Segretario confederale della Cisl, Maurizio Petriccioli, commentando il rapporto Ocse "Pensions at a glance 2015. "Qualunque politica che si ponga l’obiettivo della sostenibilità finanziaria, attraverso la riduzione delle prestazioni pensionistiche e l’aumento rigido dell’età pensionabile è socialmente impraticabile. Le valutazioni di sostenibilità del sistema pensionistico debbono tenere conto che dietro ai numeri ci sono delle persone e che le politiche previdenziali non possono essere basate solo su una visione quantitativa o ragioneristica, al di fuori di un quadro del welfare attento alle emergenze sociali. Oggi noi scontiamo proprio i I danni provocati in passato da questo modo di ragionare, mentre occorre creare le condizioni per far crescere il tasso di attività dei giovani e delle donne al mercato del lavoro e per rimettere nella disponibilità volontaria dei lavoratori e delle lavoratrici più anziani le scelte relative al pensionamento, tramite la reintroduzione delal flessibilità in uscita. Anche per questi motivi Cgil,Cisl e Uil hanno indetto, per il prossimo 17 dicembre, tre attivi interregionali unitari a sostegno della piattaforma unitaria cambiare le pensioni, dare lavoro ai giovani”, ha concluso Maurizio Petriccioli Ufficio stampa Cisl

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.