Dati Istat su pensioni. Petriccioli (Cisl): "Sostenere e tutelare i redditi dei pensionati"

Roma, 3 dicembre 2015. “In Italia c’è uno scivolamento del reddito disponibile dei pensionati verso la povertà relativa, con le donne particolarmente penalizzate da carriere lavorative troppo frammentate, parziali e discontinue”. Lo ha dichiarato il Segretario confederale della Cisl, Maurizio Petriccioli, commentando i dati del rapporto Istat sui 'Trattamenti pensionistici e beneficiari' nel 2014. “Questi dati confermano la duplice esigenza di sostenere i redditi dei pensionati, sia per via fiscale, a partire dall’immediata equiparazione della no tax a livello di quella dei dipendenti, sia reintroducendo meccanismi di perequazione più idonei a conservare nel tempo il potere di acquisto dei trattamenti. Occorre, inoltre, rafforzare la contribuzione figurativa a fronte del lavoro di cura o dei bisogni parentali. Se non si affrontano questi nodi, lo scenario già oggi preoccupante rischia di deteriorarsi nel tempo per effetto del calcolo contributivo delle pensioni e del ritardato ingresso nel mondo del lavoro, che rischia di consegnare i giovani di oggi ad un futuro ancora più incerto”, ha concluso Maurizio Petriccioli. Ufficio stampa Cisl

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.