Dati Istat. Farina (Cisl), Incoraggiante solo l'incremento della produzione industriale

Roma, 11 dicembre 2015 - "E’ positivo il credito d’imposta sugli investimenti, è necessario invece rendere certa la decontribuzione fino al 2018. L’emendamento proposto dal Governo alla Legge di Stabilità è indubbiamente un segnale di attenzione del Governo verso le esigenze di rilancio dell’economia meridionale dalla Cisl fortemente richiesto e sollecitato". Lo dichiara in una nota il Segretario confederale Cisl Giuseppe Farina . "E’ una decisione che in ogni caso non esaurisce l’esigenza di definire un progetto di sviluppo unitario per le regioni del Sud e di individuare le diverse traiettorie d’investimento su cui costruire una più robusta e strutturata crescita dell’economia e dell’occupazione nel Mezzogiorno. Anche i segnali di crescita della produzione industriale registrata oggi dall’Istat - sottolinea - sono incoraggianti, ma non debbono far sperare il Governo che il più è fatto. L’intensità della crescita è troppo modesta e così anche la crescita dell’occupazione". "Per questo il Sud e l’industria rappresentano per l’Italia le più forti leve della possibile e urgente accelerazione della ripresa economica. Per l’uno e per l’altra occorrono progetti e risorse e impegno straordinario e continuo del Governo e delle parti sociali per i prossimi anni. E a questo proposito - conclude Farina - che fine ha fatto l'annunciata convocazione degli stati generali dell’industria?".

Ufficio stampa Cisl

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.