Saeco-Philips. Bentivogli (Fim): cambiare immediatamente rotta o crescerà la mobilitazione

Roma, 18 dicembre 2015. “Il comunicato inviato dalla direzione del gruppo Saeco-Philips, afferma Marco Bentivogli, Segretario generale della Fim-Cisl, rappresenta un'intransigenza è un antagonismo contro la proposta di confronto e di ridiscussione del piano avanzata da Fim e Fiom e sostenuta dal Ministro Guidi del tutto inaccettabile; se la posizione dell'azienda è che, l'unico elemento immodificabile del piano sono i 243 licenziamenti, significa che l'idea di chiudere progressivamente lo stabilimento di Gaggio Montano (BO) è l'unica inaccettabile certezza di quello che non si può assolutamente chiamare un piano industriale. I lavoratori e le loro organizzazioni sindacali, continua Bentivogli, con la solidarietà di tutta la vallata stanno sostenendo un presidio giorno e notte per la difesa della loro fabbrica, non accetteranno di aspettare fino all'11 gennaio prossimo, che l'azienda si prenda del tempo senza dare alcuna garanzia rispetto alla rinuncia a qualsiasi azione unilaterale e senza peraltro, l'avvio di un vero confronto sindacale in sede ministeriale”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.