Ferrari. Bentivogli (Fim Cisl): bene la quotazione in borsa, altro carburante per piano industriale di rilancio

Roma, 4 gennaio 2016. “La quotazione di Ferrari rappresenta sicuramente un’opportunità finanziaria di rafforzamento sia per la casa automobilistica di Maranello, che per FCA e nello stesso tempo si costruiscono i presupposti per un ulteriore rilancio industriale delle due società nel nostro Paese. La conferma dell’esclusività produttiva nei siti italiani del marchio del Cavallino e con la sua quotazione la sua collocazione, ancor di più in un contesto globale, potrà solo aggiungere possibilità di sviluppo occupazionale per l’Italia”. Lo sostiene il Segretario generale della Fim-Cisl, Franco Bentivogli. “Nel contesto FCA l’irrobustimento finanziario a seguito della collocazione del titolo Ferrari, continua, consentirà al Gruppo di avere ancora più risorse per cogliere gli obiettivi del piano industriale entro il 2018 che, per quanto riguarda gli stabilimenti italiani, dovrà rappresentare la fine della cassintegrazione e la piena occupazione”. “Già il 2016 con la produzione della nuova Giulia e del suv Levante, conclude Bentivogli, rappresenterà un passo importante in questa direzione. Singolare che ci sia ancora in Italia, chi gioisce degli insuccessi del lavoro e delle aziende italiane”.

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.