Metalmeccanici. Saeco, raggiunta ipotesi di accordo, evitati 243 licenziamenti. Bentivogli (Fim Cisl): "Proseguire confronto su piano industriale"

Roma, 5 febbraio 2016 - E’ stata raggiunta questa mattina, dopo una no-stop di oltre 12 ore, l’ipotesi di accordo per la Saeco di Gaggio Montano, un intesa che arriva dopo settanta giorni di picchetti e un presidio permanente che va avanti dal 26 novembre scorso, quando i vertici della Philips, proprietaria dal 2009 dell’azienda bolognese di macchine da caffè, hanno annunciano di voler tagliare 243 posti di lavoro su 558. "Con l’accordo sono stati evitati i 243 licenziamenti annunciati dalla multinazionale olandese e ridotto il numero delle uscite, - sottolinea il Segretario generale della Fim Cisl, Marco Bentivogli spiegando che l’intesa prevede la mobilità volontaria incentivata.
Prevista la cassa integrazione straordinaria e quando si chiuderà il periodo di mobilità, si ricorrerà ai contratti di solidarietà. L'accordo prevede inoltre alcuni progetti, condivisi con il Ministero e la regione per l’industrializzazione dell'area. Apprezziamo il ruolo di mediazione del Ministro Federica Guidi, che unitamente alla nostra mobilitazione è riuscita a smuovere Philips da un arroccamento inaccettabile per i lavoratori ed il nostro Paese. Oggi a Gaggio Montano le assemblee con i lavoratori alle ore 15 per illustrare i termini dell’intesa e, lunedì o martedì si terrà la consultazione di tutti i lavoratori. Il 30 Aprile vi sarà il primo incontro di verifica sugli ammortizzatori sociali e soprattutto per proseguire il confronto sul piano industriale affinché sia ancora esplicitato con maggiore chiarezza che Philips torni a investire a Gaggio e metta da parte prospettive di delocalizzazione e ripiegamento industriale. Sono stati giorni difficili e duri, ma anche un’occasione di lotta e di grande dignità e solidarietà collettiva della Valle Alto Reno. Ufficio Stampa Fim Cisl

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.