Lavoro-Sicurezza. Farina (Cisl): Tutela del lavoratore fattore irrinunciabile

Roma, 11 febbraio 2016 – “La tutela della salute e sicurezza sul lavoro, risulta al primo posto, con il salario, quale fattore irrinunciabile, non negoziabile, da parte di chi lavora. L’evidenza dei dati, in questo senso, ci riporta con estrema chiarezza l’ancora drammatica e inaccettabile condizione in Italia, nella quale si registrano circa 1200 morti l’anno”. Lo ha detto il Segretario Confederale della Cisl, Giuseppe Farina, intervenendo oggi a Napoli all’Assemblea unitaria dei delegati della sicurezza Rls/Rlst di Cgil Cisl Uil provenienti da tutta Italia, dal titolo “#girodivite INSIEME per la prevenzione”. “Sono ancora troppi i ritardi evidenti in tema di prevenzione, che richiedono una risposta ferma e urgente. Così, anche il non aver ancora definito in modo chiaro i criteri identificativi degli organismi paritetici e il non aver costituito il Fondo ex art.52 a favore del consolidamento della pariteticità”. “La positiva riduzione del numero degli infortuni, gravi e mortali che sembrava confortare negli ultimi tempi, risulta purtroppo, in crescita negli ultimi anni – aggiunge Giuseppe Farina - Anche sul fronte delle malattie professionali, se un plauso va rivolto agli effetti positivi in termini di aumento delle denunce, di contro non si può celare il trend in costante crescita dei casi di patologie lavoro-correlate, a partire dalle neoplasie, quasi 10 mila nuovi casi ogni anno. Tra i quali, la vicenda dell’amianto, ancora aperta, ne rappresenta una delle pagine più nere”. “E’ necessaria, quindi, una rilevazione urgente, ma puntuale, dei siti da bonificare, mappando gli interventi ancora da realizzare. Riteniamo dunque sia prioritario lo sblocco del Piano Nazionale Amianto (PNA), attualmente fermo al Tavolo della Conferenza Stato Regioni – sottolinea - e, per renderlo operativo, la costituzione di un coordinamento funzionale ed istituzionale di tutte le attività da parte della Presidenza del Consiglio, mantenendo inoltre costante il confronto con le Parti Sociali. Compito determinante spetta anche alle aziende che, a fronte dei finanziamenti introdotti con la recente Legge di Stabilità, nelle forme del recupero fiscale del 50% delle spese sostenute per gli interventi, e i fondi messi a disposizione dell’Inail, non potranno più esimersi dal realizzare concreti interventi di bonifica dei propri siti. A tale riguardo, il sostegno e supporto che in questo percorso le associazioni datoriali potranno dare sarà determinante, così come l’azione congiunta che potrà venire dalle parti sociali in collaborazione”. Ufficio Stampa Cisl

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.