Lavoro. Petteni: "Dati Inps su cig: segnale non positivo con un incremento del 12,8%"

Roma, 15 febbraio 2016 – "Dopo i dati Istat registrati ad inizio anno rispetto all’occupazione, anche nell’utilizzo della cassa integrazione emerge nuovamente un segnale non positivo con un incremento del 12,8% rispetto a gennaio del 2015". E’ quanto sostiene il Segretario Confederale Cisl Gigi Petteni, commentando i dati diffusi oggi dall’inps sul ricorso alla cassa integrazione. "E’ un dato in totale controtendenza rispetto al progressivo e consistente calo che ha accompagnato l’anno da poco terminato. Questi assestamenti, seppur con ogni probabilità fisiologici rispetto all’andamento annuale, non devono far abbassare la guardia, anzi, devono far accelerare in questa particolare fase l’utilizzo di strumenti tecnicamente e politicamente più evoluti, strutturali ed efficaci a medio-lungo termine, come le politiche attive del lavoro per favorire la ricollocazione e quello della solidarietà espansiva". "E’ ovvio - sottolinea - che occorrano prioritariamente interventi di politiche industriali e di sviluppo nel Paese che possono incidere nel cammino di ripresa delle aziende se utilizzati strategicamente". "La diminuzione di ore autorizzate di Cigo, invece nello specifico rapporto sempre con gennaio 2015 è tendenzialmente pari al – 80,7% (-77,6% nel settore industria e -88,8% in edilizia), ma con un forte condizionamento causato dal blocco autorizzativo. Gli interventi sulla cassa in deroga hanno avuto un decremento pari al – 13,9% complice anche l’ormai stabile riduzione di possibilità di fruizione e di durata concedibile. Aumenta quindi in questo primo periodo dell’anno, in particolare, l’utilizzo della Cigs che vede un + 70% medio, ma a valle di un forte calo dell’utilizzo nei mesi precedenti"

 

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.