Carceri. Mannone (Fns Cisl): Sistema carcerario priorità per il Ministero della Giustizia e per il Governo

Roma, 15 febbraio 2016- "Il gravissimo episodio dell'evasione dei detenuti rumeni dal carcere di Rebibbia ha riportato all'attenzione della politica, delle forze sociali e dei mass media, l'insieme delle problematiche legate al nostro sistema carcerario". Lo dichiara in una nota il Segretario generale della Fns Cisl, la Federazione della Sicurezza della Cisl, Pompeo Mannone. "Le principali situazioni di criticità, come per esempio il sovraffollamento degli istituti penitenziari, la carenza di un adeguato organico di Polizia, di fondi economici da investire nei sistemi elettronici di controllo e vigilanza, la presenza di strutture oggettivamente vetuste, non hanno trovato ancora un' adeguata soluzione. Solo il senso di responsabilità e di abnegazione professionale del personale ed il completo attaccamento al compito istituzionale, ha impedito che un siffatto sistema, ancora pieno di evidenti sofferenze, portasse ad altri episodi di estrema criticità. Esiste la necessità di investire risorse nel personale e nella modernizzazione dei sistemi di sorveglianza. Il problema carceri deve essere ancora posto in capo alle priorità del Ministro della Giustizia e del Governo. Queste disfunzioni, per impedire il crearsi di paura nella collettività, devono trovare soluzioni adeguate ed immediate. La sicurezza garantita dalle forze del Corpo della Polizia Penitenziaria e cosi percepita dalla stessa società civile deve essere assicurata".

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.