Alcoa. Bentivogli: "Il Governo conferma la sua volontà di non considerare chiusa la vertenza"

Roma 16 febbraio 2016 - "La presidenza del Consiglio ci ha informato che Glencore non ha ancora dato la risposta che si attendeva per il 20 gennaio. Nel frattempo il Mise sta lavorando con un gestore di energia disponibile ad un accordo di lungo periodo bilaterale. Ciò utilizzando i primi 2 anni di superinterrompibilità e i successivi di interrompibilita' che avvicinino il prezzo a quello previsto nel Memorandum of Undetstanding e comunque già ora il prezzo più basso di tutta Europa con una media di prezzo per 10 anni al di sotto dei 30€/MW". E' quanto ha spiegato il Segretario generale della Fim Cisl, Marco Bentivogli al termine dell'incontro svoltosi al Mise tra una ristretta rappresentanza delle federazioni dei metalmeccanici di Cgil, Cisl e Uil ed il Sottosegretario alla Presidenza del consiglio Claudio De Vincenti per discutere del futuro dello stabilimento di Porto Vesne. "Il Governo - spiega ancora Bentivogli - lavorerà ulteriormente ad un offerta complessiva e costruirà un incontro con Glencore, entro il mese di febbraio per avere una risposta definitiva. Il Governo ci ha informato di aver richiamato Alcoa a, dopo aver consentito l'accesso in data room, consentire la visita a Sider Alloys che completino il quadro utile ad avere un quadro di informazioni complete per presentare un piano industriale e finanziario e formulare la sua offerta. Accanto al prezzo dell'energia vogliamo conoscere le reali intenzioni di Glencore che vanno chiarite al più presto". "I lavoratori dell indotto sono senza alcun reddito, - ricorda Bentivogli - a breve anche i lavoratori Alcoa. È inaccettabile che dopo 4 anni di lotta e di promesse e illusioni i lavoratori siano senza prospettive. Vogliamo il Governo tutto in campo per una soluzione positiva. Se volete parlare di ripresa, ce ne accorgeremo se cambierà il destino per la provincia più povera d'Italia. Alcuni ragazzi stanno facendo le valigie per emigrare, questa è una sconfitta per tutti, se perdiamo in questa vertenza, sarà una sconfitta per tutti. Renzi ricordi l'impegno assunto a maggio con i lavoratori per una positiva soluzione. Prossimo incontro entro 7 marzo 2016 alle 14 al Mise. Il Governo ha confermato la sua volontà di non considerare chiusa la vertenza". Ufficio Stampa Fim Cisl

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.