Violenza sulle donne. Furlan: "Un' inaccettabile minaccia per la pace, la sicurezza e la democrazia. La Cisl aderisce alla Via Crucis per le donne crocifisse"

Roma, 26 febbraio 2016. "Anche quest’anno la Cisl aderisce all’iniziativa "Per le Donne Crocifisse", la 'via crucis' di solidarietà e preghiera in favore delle giovani donne vittime di tratta, prostituzione coatta e violenza, organizzata dall’Associazione Papa Giovanni XXIII, in collaborazione con la Diocesi di Roma, che si svolgerà oggi a Roma con partenza alle ore 19,30 da Santo Spirito in Sassia (Via dei Penitenzieri)". Lo dichiara in una nota la Segretaria Generale della Cisl Annamaria Furlan. "Il fenomeno della tratta rappresenta una sfida a livello globale. Secondo i dati dell’Organizzazione internazionale del lavoro (Ilo) e dell’ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (Unodc) le vittime della tratta nel mondo sarebbero circa 21 milioni, per un giro d’affari pari a 32 miliardi di dollari l’anno. Lo sfruttamento a fini sessuali resta la principale causa di trafficking a livello globale ma negli ultimi anni è cresciuta in maniera significativa la ‘tratta’ ai fini di sfruttamento lavorativo (40%). Circa un terzo delle vittime sono minori e tra questi, due su tre, risultano essere bambine. Per la Cisl tutto ciò è una inaccettabile minaccia per la pace, la sicurezza e la democrazia. Ecco perché da tempo la Confederazione, attraverso il nostro Coordinamento Nazionale Donne, ha dato vita ad una campagna di sensibilizzazione rivolta al mondo del lavoro, alla società ed alle Istituzioni, sfociata nel 2009 nella "Piattaforma sulla prevenzione della violenza sulle donne ed i minori" cui è seguita nel 2012 un’ Intesa unitaria e mirata sul lavoro. Nella Piattaforma Cisl sono indicate azioni concrete da adottare e linee guida possibili da condividere per contrastare e debellare insieme questo crimine contro l’umanità, come lo ha definito Papa Francesco. Abbiamo buone leggi, ma dobbiamo applicarle con rigore, rafforzando le misure di prevenzione, di protezione delle vittime e di sostegno e recupero. Siamo davanti ad una vera emergenza sociale che richiede lo sforzo straordinario di tutte le forze sane del Paese, solo così , infatti, sarà possibile rompere il silenzio delle vittime ed uniti vincere quella che è a tutti gli effetti una sfida di civiltà e di democrazia".

I dettagli dell’iniziativa sono pubblicati sui siti www.donnecrocifisse.it e www.apg23.org

Ufficio stampa Cisl

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.