Unicredit. Cisl First: un accordo per i dirigenti in esubero che salvaguarda la volontarietà

Roma, 8 marzo 2016. "Pur partendo da una situazione di oggettiva criticità, consideriamo positiva l’intesa raggiunta” dichiara Pier Luigi Ledda, segretario nazionale First CISL, a seguito dell’accordo sottoscritto oggi - 8 marzo 2016 - dai Sindacati, che affronta in maniera volontaria e incentivata il tema dei 470 Dirigenti dichiarati in esubero da Unicredit. "Si tratta del primo accordo di questa portata - continua Ledda - che riguarda i dirigenti, del tutto in linea con quanto adottato negli altri accordi per le aree professionali e i quadri direttivi”. 120 lavoratori potranno accedere al fondo di solidarietà e altri 80 vi saranno accompagnati attraverso un periodo di aspettativa a retribuzione ridotta per un periodo massimo di 24 mesi. L’accordo, che prevede una serie di opzioni attivabili volontariamente in caso di uscita, è parzialmente finanziato attraverso un contributo solidaristico dell'intera categoria dei dirigenti del gruppo. “Siamo convinti che gli accordi individuali non avrebbero offerto condizioni migliori per i lavoratori” - commenta Maurizio Arena, segretario generale aggiunto First Cisl, responsabile DirFirst."Il contratto dirigenti, infatti - conclude Arena - non prevede una soluzione collettiva. Le parti hanno, invece, deciso di avviare una procedura aziendale, così come avviene per tutti i lavoratori, con l’obiettivo di contenere le ricadute occupazionali”. Ufficio stampa Cisl First

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.