Gruppo Italcementi. Fillea Cgil, Filca Cisl, Feneal Uil: il Governo italiano quale ruolo vuole giocare?

Roma, 10 marzo 2016. “Sono passati mesi ma purtroppo, ad oggi, non abbiamo alcuna notizia da parte del Governo su quanto sta accadendo nel Gruppo Italcementi, e siamo ancora in attesa di una risposta del Ministro Guidi alla nostra richiesta di essere ricevuti. ”E’ quanto fanno sapere Feneal Filca Fillea, che in una nota delle segreterie nazionali ripercorrono la complessa vicenda, iniziata con l’acquisizione del colosso italiano da parte della tedesca Heidelberg Cement e con l’apertura di un tavolo presso il Mise, avvenuta il 16 settembre 2015.
In quel primo incontro “presentammo alcune proposte per il rilancio del Gruppo italiano nel contesto mondiale, al fine di salvaguardare i livelli occupazionali” proposte che “furono apprezzate, sia da Italcementi che dal Ministero dello Sviluppo Economico, il quale si impegnò a sollecitare una risposta da Heidelberg in merito al futuro della sede di Bergamo e dei siti produttivi.”
Il 28 ottobre 2015 il Ministro incontrò l’amministratore delegato di Heidelberg, Bernd Scheifele, chiedendo “ il mantenimento in Italia di una forte presenza del gruppo Italcementi ed auspicando un rafforzamento della presenza del gruppo tedesco in Italia, con l’affidamento a Bergamo di funzioni centrali aziendali, concordando inoltre il proseguimento dei contatti avviati con l’azienda tedesca.”
Entro il mese di gennaio 2016 il Mise avrebbe dovuto nuovamente incontrare Heidelberg e successivamente aggiornare i sindacati “ma ad oggi non abbiamo notizie. Cosa sta accadendo?” si domandano i sindacati “dobbiamo chiederci se il Governo ritenga ancora di dover essere parte attiva sulla vicenda Italcementi? Se non si interviene, il rischio vero è che l’acquisizione di Heidelberg impoverisca il nostro paese di asset immateriali (qualità, ricerca e innovazione nel produrre cemento). Ci riferiamo alle numerose professionalità presenti a tutti i livelli: tecnici, impiegati, operai, quadri. Ricordiamo che i posti di lavoro in pericolo in Italia, nel gruppo Italcementi, sono 2.350. Numeri, dietro ai quali vi sono famiglie.” 
“Conosciamo le regole previste dall’antitrust ma la situazione si sta evolvendo - prosegue la nota unitaria - perché sembrerebbe che Heidelberg ed Italcementi, nascondendosi dietro a quelle regole, stiano portando avanti, fin dall’inizio, una riorganizzazione del gruppo il cui obiettivo finale sia diverso rispetto ai contenuti del piano di riorganizzazione sottoscritto presso il Ministero del Lavoro il 3 dicembre 2015” . Ci riferiamo al numero dei siti produttivi e dei dipendenti che rimarranno dopo il closing previsto in primavera, a partire dalle sede di Bergamo. Nel frattempo la società C.T.G. (centro tecnico di gruppo) è stata incorporata in Italcementi ed Heidelberg ha deciso che una serie di funzioni, fino ad oggi svolte dalla sede centrale di Bergamo, verranno trasferite in Germania, tanto è che il Gruppo tedesco dovrà acquisire una sede più grande.” “Chi sta assumendo queste decisioni? E in virtù di cosa? Si tratta di una scelta di Italcementi? Di una scelta fatta per conto della futura società, o degli accordi presi al momento della vendita?” chiedono i sindacati “ed in tutto questo, il Governo quale ruolo vuole giocare, quello del protagonista o di spettatore? Ce lo spieghi e ci riceva” concludono i sindacati, che avvertono “non assisteranno passivamente a eventuali scelte che dovessero incidere negativamente sui livelli occupazionali e sulle professionalità patrimonio del gruppo italiano”. Ufficio stampa Filca Cisl

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.