Banche fallite. Il sindacato europeo chiede una soluzione negoziata

Roma, 18 marzo 2016 - I sindacati affiliati a UNI Europa, riuniti a congresso a Roma dal 14 al 16 marzo, sostengono FIRST Cisl che prosegue con le iniziative in favore dei dipendenti e dei clienti delle quattro banche salvate. La proposta di mozione di solidarietà presentata da First Cisl e dagli altri sindacati italiani ha portato alla ribalta europea la situazione di Banca Etruria, Banca Marche e delle due Casse di Risparmio di Chieti e di Ferrara. “Le ricadute sui dipendenti e i clienti delle quattro banche – afferma Giulio Romani, Segretario generale First Cisl – rappresentano un tema di rilevanza europea in funzione del ruolo della banca nell’economia e nella stessa società”. I sindacati europei - consapevoli degli effetti collaterali pesantissimi del bail Iin, che vanno ben oltre le banche direttamente coinvolte - “chiedono con forza al governo italiano di aprire un dialogo sia con i rappresentanti dei lavoratori delle banche risolute per tutelare i livelli occupazionali sia con le associazioni dei consumatori per individuare forme concordate di ristoro del danno economico sofferto dai clienti titolari di obbligazioni subordinate”. Ufficio stampa First Cisl

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.