Banche. Varato dal CdM decreto su riassetto sistema creditizio.Cisl e Fiba: "Dl inaccettabile, travolge le Banche Popolari"

Luigi Sbarra Segretario Confederale Cisl e Giulio Romani Segretario Generale Fiba Cisl chiedono un incontro a Grasso: "Se il Presidente del Senato deciderà di firmare il decreto, 150 anni di storia fatta di sussidiarietà e partecipazione saranno d'un tratto cancellati".

20 gennaio 2015 - "Tanto tuonò che piovve! L'annunciato decreto di riassetto del sistema creditizio che travolge le Banche Popolari è stato varato dal Consiglio dei Ministri. Se il presidente Grasso deciderà di firmare il decreto, convalidando il percorso di urgenza con cui una questione così importante per l'economia e la democrazia nel Paese viene liquidata senza alcun contraddittorio, 150 anni di storia fatta di sussidiarietà e di partecipazione saranno d'un tratto cancellati, con conseguenze oggi forse non sufficientemente valutate". Luigi Sbarra, Segretario Confederale Cisl e Giulio Romani,Segretario Generale Fiba Cisl chiedono al Presidente Grasso un incontro e di essere ascoltati: "le ragioni che sostengono il provvedimento del Governo - sottolineano in una nota congiunta - cozzano drammaticamente con i fatti, che dimostrano come il sistema di governance delle Banche Popolari non è mai stato di alcun impedimento né alla salute economica delle stesse, né alla loro capacità di assolvere la funzione sociale di erogazione creditizia e di tutela del risparmio.
I fatti dimostrano, anzi, che le banche maggiormente provate dalla crisi e da fenomeni di cattiva gestione non sono state affatto le Popolari!
In una fase sempre più drammatica di crisi economica il Paese deve essere chiamato ad un impegno comune straordinario: noi siamo fermamente convinti - concludono Sbarra e Romani - che cancellare oggi nel sistema bancario italiano i valori della cooperazione e della democrazia economica, che solo attraverso le Banche Popolari abbiamo potuto, almeno in parte, sperimentare, sarebbe un errore di cui la storia ci attribuirebbe la grave responsabilità".
Ufficio stampa Cisl

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.