Turismo. Sindacati unitari firmano integrativo aziendale con Carlson WagonLit Travel Italia

Roma, 18 aprile 2016 - Fumata bianca al tavolo di trattativa tra i sindacati di categoria Fisascat Cisl, Filcams Cgil, Ultucs e la direzione societaria di Carlson WagonLit Travel Italia. Le parti hanno firmato il nuovo integrativo per gli 800 dipendenti delle 5 filiali italiane del gruppo multinazionale del comparto Travel Company, presente in 150 paesi nel mondo con 19mila collaboratori. Relazioni industriali ai due livelli nazionale e decentrato, bilateralità di settore, formazione professionale, organizzazione del lavoro e sistema premiante, sono i punti cardine dell’intesa triennale, valida fino al 31 dicembre 2018. Nel merito viene riconosciuto un monte ore annuo complessivo di 100 ore di permessi sindacali per organizzazione oltre ad un numero totale massimo di 36 biglietti di trasporto ferroviario per lo svolgimento di 3 incontri annuali. Il nuovo integrativo Cwl migliora la gestione degli strumenti di flessibilità oraria con l’obiettivo di incrementare la redditività e la competitività aziendale nel rispetto dei tempi di vita dei lavoratori. Il sistema premiante, totalmente variabile e attribuito su scala nazionale, viene rinnovato a decorrere dal 1 gennaio 2016 nell’ottica di favorire la reale partecipazione dei lavoratori; gli indicatori di produttività e redditività consentono di ottenere un più diretto collegamento tra le performance aziendali e le performance individuali dei dipendenti prendendo considerazione il raggiungimento degli obiettivi di budget oltre che la presenza e la qualità del servizio prestato. L’accordo interviene anche sulle pari opportunità, sul welfare aziendale, sul sostegno alla genitorialità, sulla salute e sulla sicurezza sui luoghi di lavoro e sulla possibilità di valutare e implementare la possibile applicazione della normativa in materia di lavoro agile/smartworking. Soddisfazione in casa Fisascat Cisl. «L’intesa valorizza il lavoro e lo sviluppo delle relazioni sindacali a tutti i livelli pur in un contesto economico che ha fortemente penalizzato il ruolo degli intermediari turistici» ha dichiarato Alfredo Magnifico della segreteria sindacale Fisascat Cisl. «L’attenzione allo sviluppo sistema di welfare anche a seguito delle recenti novità normative introdotte con la Legge di Stabilità - ha concluso il sindacalista - conferma la sensibilità aziendale verso le tematiche sociali, consolida il sistema della bilateralità esistente e consente di sviluppare un dialogo costante a supporto dell’attività negoziale aziendale».

Stampa

Questo sito utilizza cookies tecnici e cookies di terze parti per la gestione delle statistiche. Leggi l'informativa per sapere di più; proseguendo nella navigazione accetti l’uso dei cookies.